Alessio Boni, ‘a 24 anni molestato da un produttore americano, sogno un ruolo da drag’

Condividi

_jour-de-tournage-83_acteurs-6_1161854

«Anche io ricevetti le avances indesiderate di un direttore gay americano. Avevo 24 anni». «Lo respinsi con fermezza e finì lì».

Così Alessio Boni, dalle pagine de IlMessaggero, ha rivelato di aver subito una molestia quasi 30 anni or sono, senza però conseguenze di alcun tipo perché fermo nel rifiutarle.
L’attore italiano ha poi confessato di voler interpretare una drag queen su grande schermo, se non fosse che la motivazione data  rimarchi una visione del mondo drag a dir poco distorta.

«Mi piacciono i personaggi lontani da me, le sfide. E poi mi piacerebbe conoscere meglio la realtà di chi non si sente nel corpo in cui è nato e vuole cambiarlo. Lo trovo un tema molto interessabte e dall’enorme potenziale drammatico».

Boni mio, drag queen non vuol dire transgender.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Stefano 7 Novembre 2017 at 8:39

    Insomma, ho capito.
    Manco solo io!
    Nel 1983 fui interrogato a scuola senza aver studiato e venni cazziato (giustamente…).
    Ora dico che sono stato molestato pure io…

  • Stefano 7 Novembre 2017 at 8:38

    :)))) giusto!

  • cantalupo75 2 Novembre 2017 at 18:11

    Speriamo che interpreti qualcosa di diverso dalla solita isterica a cui ci ha abituati.

  • Luca Poggel 2 Novembre 2017 at 15:50

    ma chi cazzo è questo ohhhh ora tutti molestati vai!

  • carlo 2 Novembre 2017 at 15:08

    cosa c’entra il politicamente corretto con il non saper distinguere una drag queen da un/una transgender?

  • lorenzino 2 Novembre 2017 at 13:54

    non ci si crede, le fregnacce che ci tocca leggere in nome del politicamente corretto…