Sex and The City, Kim Cattrall vuota il sacco: ‘rapporto tossico con le altre ragazze’

Condividi

Kim-Cattrall-Samantha-Jones-Sex-and-the-City-699711

Alla fine ha sbottato, Kim Cattrall.
Accusata sul web di aver fatto morire Sex and the City 3, con Sarah Jessica Parker e Kristin Davis che neanche troppo velatamente hanno puntato il dito contro di lei per giustificare la cancellazione del sequel, l’attrice, oggi 61enne, ha concesso un’intervista in cui ha diffuso la propria verità.
Senza girarci troppo attorno, Kim ha definito ‘tossico’ il rapporto con le altre protagoniste della serie.

‘Io sono andata avanti, ho sessant’anni, è la mia età a prendere decisioni e non per la mia carriera, e questo mi sembra fantastico. Tutto finisce e quando si chiude una porta se ne apre un’altra, e quella porta sta aspettando da tanto tempo.
Una cosa veramente deludente è che nessuno prende il telefono per contattarti e chiederti: ‘come stai, che stai facendo?’. Sarebbe stato questo il modo giusto per gestirla. E’ quello che solitamente succede in una relazione sana, qualcuno che ti chiede ‘sei disponibile?’, e tu dici ‘sì’, ed ecco arrivare il progetto ma tu dici ‘ti ringrazio molto ma ora sono qui e qui rimango’, e quella persona che si era rivolta a te ti dice che è fantastico, ti augura buona fortuna, ti augura il meglio. Non è quello che è successo in questo caso, questa è una relazione tossica. Tutte hanno dei figli, hanno 10 anni di più e da quando la serie è finita non vivo più a New York, quindi non le vedo. La strada che abbiamo condiviso era la serie e la serie è finita’.

Verità che vengono a galla, finalmente, dopo anni e anni di indiscrezioni su un rapporto tutt’altro che idilliaco con Sarah Jessica Parker, protagonista e produttrice dello show.

‘Credo che avrebbe potuto essere più elegante. Non so quale sia il suo problema, io con lei non ne ho mai avuti. Non ho mai chiesto soldi, non ho mai chiesto progetti ulteriori, essere etichettata come una sorta di diva è assolutamente ridicolo’.

Nel finale il consiglio probabilmente irricevibile. ‘Proseguite senza di me, con un’altra attrice, con un altro personaggio. Questo è quello che credo abbia bisogno il franchise, di un altro punto di vista’. La parola a Sarah Jessica Parker, Kristin Davis e Cynthia Nixon (nell’attesa WILLIE GARSON ha già reagito).

tumblr_nqkf30hCxC1r9sj4eo1_400

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Y! 6 Ottobre 2017 at 10:00

    quei film sono delle cagate pazzesche. non vedo il senso di proseguire ulteriormente. bastava la serie.

  • Julus 5 Ottobre 2017 at 20:01

    Il sequel potrebbe funzionare solo se ci fosse una buona storia, una sceneggiatura valida, i due film sono stati una schifezza perchè la storia era insulsa.

  • Andrea Betti 5 Ottobre 2017 at 19:02

    Vabbè ma… c’ha ragione lei! Al di là delle beghe personali, il suo personaggio non ha molto altro da dire… secondo me, con un buon lavoro di sceneggiatura dietro, la scomparsa di Samantha potrebbe, effettivamente, dare un punto di vista diverso al film… ammesso e non concetto che questo film si debba fare per forza. Non credo che sia di vitale importanza, anzi… ma tant’è…

  • Mario 5 Ottobre 2017 at 17:04

    Ma infatti: proseguite il franchise!

  • antonio sanna 5 Ottobre 2017 at 15:30

    Non faranno mai un terzo film a questo punto e non ne vedo la necessità dopo il terribile secondo capitolo…poi ormai le storie son concluse, che senso ha? Menomale erano tutte amiche…ahahahaha

  • chiaaa 5 Ottobre 2017 at 10:55

    Secondo me troveranno un’altra attrice e questo creerà enorme “Buzz” sul terzo film… alla fine Kim Cattral sarà pure fenomenale e iconica nei panni di Samantha, ma non è insostituibile…

    Mi dispiace sia finita così.