Kesha a sostegno dei gay brasiliani: ‘non esiste cura per qualcosa che non è una malattia’

Condividi

Schermata 2017-09-26 alle 10.03.34
Non esiste cura per qualcosa che non sia una malattia. Non sarebbe più rivoluzionario sostenere, celebrare e amare le persone per quello che sono, invece di umiliarli e cercare cambiarli? È una decisione legislativa vergognosa e offro il mio sostegno per affrontare questa decisione spregevole e medievale. Amo tutte le persone e rispetto i diritti di tutti nell’essere esattamente quello che sono. Questi sono ostacoli, non barriere, e combatteremo!“.

Così Kesha nella giornata di ieri ha voluto sostenere i gay brasiliani, giustamente scioccati dall’incredibile decisione giudiziaria della settimana scorsa che riapre la strada alle teorie riparative tramutando l’omosessualità, di fatto, in una malattia da cui poter guarire.

Autore

Articoli correlati