x

Alba Parietti a testa bassa contro Selvaggia Lucarelli: ‘è intellettualmente disonesta, vive sputtanando’

Condividi

tumblr_ombbp4DLGt1tlsda4o1_500

«Avete passato una vita a dire che non so fare niente e adesso che partecipo a “Ballando con le stelle” dite che dovrei saper ballare? La Parisi ha smesso di ballare a 50 anni, io inizio a 55 e dovrei essere brava? Sono sempre stata un bluff, anzi, sono il più grande bluff certificato della tv».
«Mi dispiace di essere caduta nella trappola di Selvaggia, ero carica con lei per le provocazioni precedenti e sabato scorso l’ho attaccata prima ancora che parlasse, ma non mi sono piaciuta». «Non è che la Lucarelli non meritasse la mia aggressione, ma avrei dovuto essere più ironica. Ho stima di lei quando scrive ma non le perdono certi cali di sensibilità verso donne più grandi, la trovo disonesta intellettualmente. Ha definito Giuliana De Sio una “scimmia che balla”, ha sottolineato, proprio lei, i miei “problemi con l’ego”, mi ha derisa su internet come una bulletta e voleva persino leggere in diretta un messaggio di stima che le avevo mandato l’anno scorso, un vizio che ha spesso. Selvaggia non è per niente una paladina delle donne perché si mostra gentile con quelle giovani per far vedere che non si sente in competizione, ma si accanisce con quelle che hanno una certa età e una certa carriera. Sceglie bene le proprie prede forse perché vive sputtanando gli altri e litigando, ma per me non è così, spero che d’ora in avanti il mio buongusto prevalga sulla provocazione». «In tv siamo attratti a volte dal peggio, dalla rissa, dalle persone che si insultano, io stessa sono attratta dall’orrido. Quando vedo le “Dursointerviste” mi sento morire per quelli che sono lì, ma non riesco a cambiare canale. La tv è una perversione, ti attrae anche quello che ti fa schifo».

Via CHI Alba Parietti è così tornata sulla tele-rissa di sabato scorso con Selvaggia Lucarelli (VIDEO), ridando fiato ad un cat fight che ogni sabato, a questo punto, regalerà nuove puntate. Pop corn come se non ci fosse un domani, grazie.

Autore

Articoli correlati