x

La Bella e la Bestia: quando a ritirare l’Oscar per Howard Ashman, morto di AIDS, fu il suo compagno – il video ricordo

Condividi

ff84649839d4f5047c7c92adb88c8791

Ha fatto non poco rumore la notizia che Le Tont, mitica spalla di Gaston nel cartoon de La Bella e la Bestia, farà di fatto coming out nell’imminente live-action Disney (LEGGI QUI).
A rivelarlo il regista Rob Marshall, premio Oscar per Chicago, che ha inoltre svelato il perché di questa scelta ‘epocale’, per un titolo Disney.
A scrivere le canzoni capolavoro del classico animato del 1991, infatti, fu Howard Ashman, all’epoca già premio Oscar per aver realizzato Under the Sea da La sirenetta.
Pochi giorni prima della premiere della Bella e la Bestia, purtroppo, Ashman morì a causa dell’AIDS. Aveva solo 41 anni.
Ashman ricevette il suo secondo Oscar, che gli fu conferito postumo nel 1992, per la canzone Beauty and the Beast. Durante la cerimonia la statuetta fu ritirata dal suo compagno Bill Lauch, che nel discorso di ringraziamento ricordò come quello fu a tutti gli effetti “il primo Academy Award dato a qualcuno che abbiamo perso a causa dell’AIDS”.
Per la canzone Beauty and the Beast Ashman ricevette, sempre postumi, un Golden Globe ed un Grammy, nelle medesime categorie in cui aveva vinto con Under the Sea, rispettivamente nel 1992 e nel 1993.
Ebbene Le Tont, interpretato da Josh Gad, sarà dichiaratamente gay anche per omaggiare Ashman.

Fu sua non solo l’idea di farne un musical, ma anche quella di rendere la Bestia un personaggio centrale. Fino ad allora la sola storia era sempre stata quella di Belle.
E poi per lui era una metafora dell’Aids. La maledizione della Bestia aveva portato tristezza in tutti i suoi cari e forse c’era la possibilità di un miracolo per spezzarla. Era un progetto davvero concreto quello che era deciso a portare avanti‘.

Autore

Articoli correlati