Il Vaticano ribadiesce il proprio NO ai preti omosessuali

Condividi

gay-vaticano

Sulla scia di The Young Pope di Paolo Sorrentino, ecco arrivare una nuova nota dal Vaticano che ribadisce il proprio DIVIETO ai gay di diventare sacerdoti.
No, non è LERCIO.
Un divieto che è in vigore dal 2005, sottolineando come ‘la pratica dell’omosessualità‘ non sia ‘la benvenuta‘.

“La Chiesa, pur rispettando profondamente le persone in questione, non può ammettere in Seminario e agli Ordini sacri coloro che praticano l’omosessualità, presentano tendenze omosessuali profondamente radicate o sostengono la cosiddetta ‘cultura gay’. Tali persone, infatti, si trovano in una situazione che gravemente ostacola un corretto relazionarsi tra uomini e donne”.

Una nota surreale, perché in arrivo da quel Vaticano che è tutto un pullulare di preti omosessuali (basterebbe accendere Grindr in via della Conciliazione per ritrovarsi improvvisamente non più a Roma bensì a Chueca).
Ma d’altronde cos’altro sarebbe, la chiesa cattolica romana, se non un trionfo di ipocrisia delicatamente detta anche ‘faccia come er culo’?

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Marco 10 Dicembre 2016 at 21:44

    Mi pare ovvio….solo degli idioti potrebbero stupirsi.

  • Lou Reeda 8 Dicembre 2016 at 19:38

    La vera novità sarebbe incontrare un prete etero