Addio a Umberto Veronesi, strenuo difensore dell’amore LGBT

Condividi

“Quello omosessuale è l’amore più puro, al contrario di quello eterosessuale, strumentale alla riproduzione. “E’ difficile dire se la chimica abbia un ruolo nella sessualità. Avere qualcosa di chimico dentro vorrebbe dire che uno è predisposto, e che geneticamente nasce così: questo non lo penso. La sessualità si diffonde in rapporto agli stili di vita, alla cultura del momento, è anche un atteggiamento contagioso. In certi ambienti è molto frequente perché si scopre che è una forma di amore che può essere interessante esplorare”.

Così Umberto Veronesi, nel 2011, difese con le unghie e con i denti l’amore LGBT, da lui sempre sostenuto. Tre anni dopo l’oncologo, scomparso oggi all’età di 91 anni, rilanciò la posta con ancor più forza:

“L’amore tra due persone dello stesso sesso è un amore più forte perché non è strumentale alla procreazione. Non ha interessi di tipo sessuale-procreativo. Sono favorevole sia al matrimonio sia alle adozioni di genitori gay. Il sesso, nell’educazione, non c’entra. Il figlio cresce bene se è amato, indipendentemente dal sesso”.

Nel 2015, infine, arrivò l’affondo contro Domenico Dolce, dichiaratamente contrario alla omogenitorialità.

“Se Domenico Dolce ha definito i figli della provetta “sintetici” ha detto una sciocchezza. Noi siamo favorevoli alla riproduzione in provetta perché ormai di fronte a un’aumentata infertilità, sia maschile che femminile, e a una procreazione sempre più avanti con gli anni, dobbiamo trovare delle soluzioni. E la più semplice è la procreazione medicamente assistita». «Perché mai essere contrari alle adozioni da parte delle coppie gay? Un gay può essere un bravissimo padre o una bravissima madre, non vedo che differenza ci sia. Bisogna amare i propri figli, se una persona ha questa spinta amorevole per i propri figli, che siano o non siano geneticamente suoi, la cosa è legittimissima, che si tratti di coppie gay o di single”.

Laico e libero nel midollo, quest’oggi l’Italia tutta ha perso un grande uomo. Un uomo che mai c’aveva fatto sentire la sua vicinanza, scientifica e non.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • guest 9 Novembre 2016 at 14:02

    io non mangio carne per una questione etica e non salutistica, quindi questo discorso mi tocca ben poco.

  • Raphael DeLaghetto 9 Novembre 2016 at 13:52

    si dieta vegetariana OGM, visto che affermava che gli OGM non fanno male e persino non fanno venire i tumori…cosa palesemente falsa..visto che le dite produttrici di OGM finanziavano lo stesso veronesi…

  • Nicola 9 Novembre 2016 at 8:52

    Per mia madre fu un pessimo medico, visto che la sottopose a una serie di cure e operazioni dolorose – oltre che costose- totalmente inutili, visto che lui stesso ammise in seguito che il suo tumore era incurabile. Non so in che senso l’amore gay possa essere considerato più puro. I ragazzi etero oggi si innamorano a scopo procreativo? Che stupidaggine. L’amore è amore e non ci sono differenze fra gay e etero, ne in meglio ne in peggio. Detto questo: mi dispiace per veronesi, ha fatto moltissimo per la medicina italiana

  • Ma va a caghèr… 9 Novembre 2016 at 8:09

    Hai proprio ragione, con tutta la merda che tu e i tuoi colleghi sparate giornalmente rendendo ogni blog illeggibile, lo puoi dire forte…

  • Alberto 9 Novembre 2016 at 1:14

    Un uomo che mai ci aveva fatto sentire la sua vicinanza….
    Apo secondo me devi ricontrollare l’ultima frase

  • guest 9 Novembre 2016 at 0:05

    Non dimentichiamoci anche strenuo difensore della dieta vegetariana, sia da un punto di vista salutistico che etico/morale.
    Se dobbiamo apprendere da lui, non lo facciamo a compartimenti stagni.
    Addio uomo immenso

  • The Edge 8 Novembre 2016 at 23:37

    Sono sconvolto, addio Veronesi, grande uomo.
    Peccato che ci stiano abbandonando i migliori, gli unici a rimanere sono i peggiori/le peggiori.