L’uragano Matthew è una punizione divina contro i gay di Orlando, parola dell’estremista Andrew Bieszad

Condividi

rainbow_hurricane_rect

L’uragano Matthew che sta minacciando l’America, con oltre 100 morti già seminati ad Haiti, sarebbe una punizione divina per l’imminente Pride che si terrà ad Orlando per commemorare le vittime del Pulse.
A pronunciarsi in tal senso Andrew Bieszad, meteorologo nonché giornalista ovviamente sostenitore di Donald Trump.

‘Ci sono molti abitanti della Florida conservatori e religiosi, ma anche una quantità enorme di sodomiti, con attività immorali. Ogni volta che gli ebrei erano disobbedienti a Dio, nell’Antico Testamento, lui inviava loro punizioni, spesso sotto forma di disastri naturali’. ‘Anche se non tutto il cattivo tempo è sinonimo di ‘peccato’, le sacre scritture fanno chiaramente intendere che può essere così. E noi sappiamo che la Florida è uno Stato infettato dal peccato, soprattutto in città come Miami ed Orlando, che sono veri e propri covi di sodomia. Sia Orlando che Savannah terranno parate dell’orgoglio sodomita questo mese, e questo uragano è un segno dell’ira di Dio contro di noi, per il nostro ostinato atteggiamento verso il peccato e il rifiuto di pentirsi dalla nostra malvagità’.

Perché c’è un’Eleonora Brigliadori in ogni parte del mondo.
Questo è il problema.

Autore

Articoli correlati