Uomini e Donne, rinviato il trono gay di Claudio Sona – si parte con gli over

Condividi

14125499_1242185002494961_3377913108471645554_o

schermata-2016-08-18-alle-17-53-531Ore 15, canale 5, Uomini e Donne.
Prima storica edizione con trono gay (ufficiale) per la trasmissione Mediaset, con Claudio Sona primo tronista a caccia d’amore LGBT. Peccato che quest’oggi andrà in onda il trono OVER, con rinvio a sorpresa per questa primissima volta arcobaleno che ha suscitato e continuerà a suscitare curiosità/polemiche, per la gioia dell’Auditel che quasi certamente andrà incontro a picchi di tutto rispetto.

“Durante Uomini e Donne si balla… ballano i lenti, no? Claudio non veniva invitato a ballare, ma perché secondo me non era che non c’era la voglia di invitarlo a ballare ma c’era la domanda: ‘Si può fare?’. La redazione gli ha detto che erano liberi di dire e fare ciò che volevano. Io ho visto che dopo due puntate nessuno si alzava per invitarlo a ballare e mi sono alzata io…”.

Così la De Filippi ha anticipato ad Aldo Vitali quanto accaduto durante le prime due puntate registrate, la prima delle quali andrà in onda non si sa quando. Tra i primi corteggiatori di Claudio il dj Mattia Manfrin, 4 anni fa aspirante Mr. Sirenetto su Spetteguless, per una nuova stagione pronta a debuttare con … gli anziani.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Nic 12 Settembre 2016 at 21:19

    Sì ma a sto punto si capisce che tira più Gemma Galgani che un pelo di cazzo…

  • stilographs 12 Settembre 2016 at 12:31

    È proprio questo genere di cose che secondo me il tanto vituperato trono gay aiuterà ad abbattere. Due ragazzi che ballano, che si accarezzano, che si danno un bacio. Nella quotidianità dei pomeriggi di Canale 5, può tranquillamente rappresentare una rivoluzione. Per questo, a prescindere da tutto (Uomini e Donne è e rimarrà un programma finto, Sona può piacere o meno), Maria sta facendo qualcosa di molto importante. Specie considerando il fatto che il target del programma è completamente diverso dal solito target liberale, open-minded, acculturato che non ha problemi con l’omosessualità. Grazie, davvero.