Unioni Civili, Daniele e Francesco costretti a ‘sposarsi’ a Fiumicino a causa dei ritardi di Roma

Condividi

12049109_10208175088599170_4555946980948326136_n

Ancora storie al limite dell’incredibile arrivano da Roma, Capitale d’Italia eppure ultima tra le grandi città nella corsa alle unioni civili.
Perché ad oggi manca tutto, in Comune, per questa realtà che a giorni diverrà concreta nel resto del Bel Paese.
Dopo l’aneddoto raccontato da Raffaele Villarusso e Luca de Sario, infatti, ecco arrivare il bis firmato Daniele e Francesco, di fatto ‘costretti’ ad unirsi a Fiumicino proprio a causa dei ritardi della Capitale.
Il Sindaco Virginia Raggi, mi fa sapere Daniele, non ha ancora dato alcuna disposizione ai funzionari del Dipartimento Unioni Civili (ex registro comunale unioni civili voluto da Marino), con i funzionari stessi che di loro spontanea volontà stanno prendendo quelle che hanno denominato “pre-prenotazioni”.
Peccato che queste “pre-prenotazioni” non garantiscano la data.
Sono quindi essere gli stessi funzionari a ricontattare le coppie entro due o tre settimane per definire il tutto, data compresa.
Ora, volendosi sposare ad ottobre e non volendo aspettare i tempi morti di un Comune di suo già paralizzato, Daniele e Francesco si sono orientati verso Fiumicino, dove il Sindaco Esterino Montino è stato uno dei primi in Italia ad attrezzarsi per le unioni civili, accogliendo con gioia chiunque lo voglia.

“Sono dieci le coppie prenotate presso il nostro ufficio Anagrafe, quattro del Comune di Fiumicino, in attesa di unirsi civilmente secondo quanto previsto dalla legge 76 del 20 maggio 2016, ma molte si stanno prenotando in questi giorni”. “Abbiamo spiagge, sedi storiche, castelli, agriturismi e luoghi pieni di fascino autorizzati sia per la celebrazione dei matrimoni che dell’unione civile. Non solo sedi istituzionali quindi, ma ambienti unici che già attirano anche coppie che arrivano dalla Capitale, ma anche da
altri comuni d’Italia e dall’estero. All’indomani dell’entrata in vigore del decreto attuativo delle unioni civili, sarà bello accogliere tutte le famiglie per dare loro, indistintamente, la possibilità di esercitare un diritto di civiltà, un atto dovuto di riconoscimento pieno della scelta di condurre insieme la propria esistenza. Un primo importante passo sulla strada della giustizia e dell’eguaglianza sociale”.

Parole ed atti concreti che Virginia Raggi, neo  Sindaco di Roma, non ha ad oggi  mai neanche lontanamente accennato. Tant’è che rumor alla mano, udite udite, la prima unione civile capitolina si dovrebbe tenere il 22 settembre, ovvero quasi due mesi dopo l’unione civile proprio quest’oggi regolarmente celebrata a Reggio Emilia tra Piergiorgio Paterlini e Marco Sotgiu.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Paolo 3 Agosto 2016 at 10:42

    Certo che ci vuole coraggio a parlare di questi due e di UNIONI CIVILI. Come prendere Cicciolina negli anni 90 a promuovere matrimoni.

  • Lubamba Redenta 3 Agosto 2016 at 2:09

    mi consola solo immaginare il suo ricovero per esaurimento nervoso prima di capodanno

  • Lolli 2 Agosto 2016 at 11:16

    Diciamo anche, però, che se il comune di Fiumicino non fosse attrezzato sarebbe un bello scandaletto, dal momento che il sindaco Montino è il marito o compagno dell’on. Cirinnà.

  • Gelido 2 Agosto 2016 at 11:06

    quella donna, a mio avviso, sta nel pallone più totale…

  • antipapa 2 Agosto 2016 at 10:24

    Ma esiste una foto di Daniele Pallotta nella quale non abbia la bocca a culo di gallina?

  • antipapa 2 Agosto 2016 at 10:23

    E’ una cosa vergognosa, una cialtrona oltre ogni limite.
    In tutta la campagna elettorale non ha detto una parola che fosse una su diritti civili e unioni civili, e una vola eletta è se possibile ancora peggio.
    Aggiungiamoci che per la scelta dell’addetto stampa pare che i candidati siano un giornalista di Libero e uno de Il Tempo.
    E aggiungiamoci pure, invece di occuparsi dei problemi che interessano ai romani, l’inutilissima visita al papa dopo la quale ha sbavato estasiata e come prima uscita ufficiale addirittura all’università lateranense o una roba del genere.