Make Me di Britney Spears, altro flop – fuori dalla Top30 iTunes Usa

Condividi

britney-make-me-review

Non c’è stato un ‘live’ (ovviamente).
Del video neanche l’ombra.
E la canzone è presto affondata.
Ennesimo flop discografico per Britney Spears, scivolata con Make Me dopo i disastri combinati con “Pretty Girls (feat. Iggy Azalea)”.
Ad una settimana dalla pubblicazione, infatti, il singolo è giù uscito dalla top30 iTunes Usa.
33esima posizione per Britney, contro la 14esima di una Katy Perry che con Rise sta altrettanto deludendo le attese.
Dopo  l’eccitazione iniziale da parte dei fan, con conseguente vetta delle classifiche che solitamente tende a durare 12/24 ore, Britney è precipitata.
Nulla di nuovo, visti i risultati degli ultimi anni, ma il tonfo fa sempre rumore.

Schermata 2016-07-25 alle 08.56.01

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Gwen Stefano 27 Luglio 2016 at 14:14

    E’ una delle poche nuove canzoni di Britney che mi piace, ma cosa aspetta a fare uscire il video??

  • Daniii 26 Luglio 2016 at 18:41

    Guarda che gli streaming di Spotify ecc ecc sono conteggiati nella classifica dei singoli! Spiace che venda meno perche’ la canzone non e’ male, ma Spotify qui non c’entra nulla!

  • bix 25 Luglio 2016 at 20:02

    Oggettivamente è una canzone davvero mediocre

  • Anto 25 Luglio 2016 at 18:34

    Hai in anteprima i dati della Billboard HOT100? Oppure i dati di mediatraffic?
    La canzone è uscita da una settimana, è arrivata #1 in 55 Paesi su iTunes…e siamo in attesa del video.
    Ma Madonna debutta su iTunes? Oppure, le altre con 20 anni di carriera, conosco le classifiche di iTunes o debutti cosi alti?

    Ecco, allora forse dovremmo un attimo contestualizzare e concentrarci non solo su BRITNEY, ma sulle vendite e debutti di altre cantanti.

  • HANDREAS 25 Luglio 2016 at 17:35

    Ma Lady Gaga ancora esiste? Non si sente sente da secoli… e consiglierei ai gagini di non fare troppo gli spacconi, perchè è finito anche il tempo di Gaga… e il flop è dietro l’angolo ad aspettarla.

  • HANDREAS 25 Luglio 2016 at 17:33

    infatti, ho talmente torto che gli album, che una volta superavano le 5mln di copie, erano dichiarati flop, mentre adesso appena superano i 2mln sono visti come grande successi. Solo Adele fa eccezione.. ma tutti gli altri? Io seguo Mediatraffic e i dati parlano chiaro! La pirateria avanza sempre di più, i cd si vendono sempre di meno, per non parlare di Spotify e compagnia bella… io ad esempio ormai non compro un cd da mesi… grazie a questi siti riesco ad ascoltare la musica totalmente gratis. Detto questo, non capisco tutto questo stupore al primo flop di qualche artista..Mah

  • pavlo 25 Luglio 2016 at 14:52

    Perché dovrebbe pensare solo a lady gaga scusa?

  • pavlo 25 Luglio 2016 at 14:51

    Menomale che ci sono quelli di lady gaga tra i 7-13 a ringiovanire le file dei fan del pop

  • Ale 25 Luglio 2016 at 14:33

    La musica non si acquisterà più (cosa non vera, tra l’altro) perché ormai i servizi di streaming hanno preso il sopravvento. Ma questo singolo è flop pure lì.

  • Lorenzo 25 Luglio 2016 at 12:03

    Ma continua ad andare dietro alla tua vecchiaccia ! Fai ridere!

  • mdzboy 25 Luglio 2016 at 11:59

    Se lo merita se fa promozioni inesistenti ed inutili. Comunque la farei meno drammatica, secondo me è tutto calcolato e alla sora Britney e al suo team gli basta stare qualche giorno od ora in cima alla classifica per generare ingressi. Se vendi senza promozione e i primi singoli schizzano sempre in cima in classifica relativizzi un po’ la caduta libera. Credo sia questa la logica, io la intuisco, ma mi sembra comunque triste e penosa. Quando comincerà a floppare di brutto si mangerà le mani, ma sarà troppo tardi.

  • Gelido 25 Luglio 2016 at 11:26

    Di Britney se ne preoccupano solo i gay fra i 30 e i 40… un target un tantino ristretto

  • Bea 25 Luglio 2016 at 10:55

    È quello che si merita una che non sa cantare, non sa ballare e ha un’immagine curata da persone con evidenti problemi. È finita da più di dieci anni, è il caso di farsene una ragione.

  • HANDREAS 25 Luglio 2016 at 9:48

    Ma ancora ci meravigliamo per questi tonfi con lo schifo che c’è su internet? Ma andiamo su, ma svegliarsi una buona volta evitando magari di fare critiche stupide, e chiedendosi, con aria sorpresa: perchè il “tonfo”? Quando sappiamo benissimo come vanno queste cose ormai… la musica non si acquista più! E’ già tanto che sia durata 1 giorno ai primi posti.