Unioni Civili, Renzi, Alfano e il Ministro della Giustizia hanno firmato il decreto ponte – ad agosto tutti sposi

Condividi

13698290_1256617304349150_374497780846495387_o

La firma del governo sul decreto attuativo sulle unioni civili segna in modo definitivo e storico il corso dei diritti civili del nostro Paese. La legge diventa così pienamente operativa e tutti i Comuni sono ora in grado, nel giro di pochi giorni, di celebrare le prime unioni. E’ il punto di arrivo di una riforma epocale, attesa da troppo tempo, che consentirà finalmente piena cittadinanza a tante coppie. Da oggi la stagione dei diritti, voluta con tenacia dal governo Renzi, è una realtà insindacabile e, con una certa emozione, auguro tanta felicità a tutti quegli uomini e quelle donne che vorranno e, finalmente, potranno vedere riconosciuto il loro amore‘.

Parole della senatrice Monica Cirinnà, che ha così commentato la storica firma di Matteo Renzi al decreto ponte per le unioni civili, che a giorni finiranno in Gazzetta Ufficiale. Checché se ne dica, un’epocale pagina per il Bel Paese.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • fabulousone 24 Luglio 2016 at 22:45

    Si possono fare ugualmente ‘ascolti’ dicendo “ad agosto partono le cerimonie”, “ad agosto le prime unioni”, “ad agosto i primi sì”, eccetera insomma dicendo il vero. Non è che per dire il vero uno deve per forza usare la parola ‘uniti’, che al blogger forse non pare il massimo: si può dire il tutto con frasi che siano attraenti e allo stesso tempo aderenti alla realtà. Riguardo l’abito bianco, beh, quello lo si può indossare anche con le unioni civili se si vuole o anche in celebrazioni simboliche senza alcun valore legale quindi non credo c’entri molto.

  • Marco 24 Luglio 2016 at 19:19

    Perchè è pieno di checchine che vogliono vedersi con l’abito bianco e il blogger fa “ascolti” scrivendo così

  • fabulousone 23 Luglio 2016 at 17:42

    Mh… aridaie con il termine sposi. La legge non lo prevede. Ci potranno essere registrazioni di unione civile fatte in modo tale da ricalcare per vari aspetti le cerimonie in cui si sposa il proprio amore, ma nessuno di noi potrà sposarsi. In questo blog si è ricordato ben bene che la legge prevede che i sindaci non possono rifiutarsi di fare il proprio dovere. Bene. Allo stesso modo la legge prevede che i gay possano unirsi, celebrare la propria unione, non sposarsi. Non si capisce perché in questo blog si continui a dire che noi gay potremo sposarci… E’ ridicolo e umiliante mettersi a far finta di poter fare quello che in realtà ci viene impedito. E’ anche controproducente, dato che in questo modo diamo l’impressione che anche se non ci viene consentito di sposarci in fondo va bene lo stesso, ci basta far finta di poterlo fare.