Make Me, Britney Spears regina iTunes Usa per mezza giornata: detronizzato Justin Timberlake – poi è arrivata Katy Perry

Condividi

Schermata 2016-07-15 alle 18.46.49

Schermata 2016-07-15 alle 18.51.04

La rivincita dell’ex.
Make Me, nuovo singolo di Britney Spears, è balzato in testa alla chart iTunes USA, spodestando dal trono proprio lui.
Justin Timberlake.
Incredula persino la sora Britney, per una classifica che al momento la vede battere Katy Perry, uscita nelle stesse ore con Rise.
Certo, ora bisognerà vedere la TENUTA di Make Me, visto e considerato che tutti i brittaroli d’America si saranno riversati su iTunes per scaricare il brano della loro beniamina, ma vuoi o non vuoi la Spears può quest’oggi fregiarsi del titolo di ‘regina iTunes per un giorno’.

P.S. aggiornamento ore 19:00 – controsorpasso della Perry ai danni Britney, con Rise davanti a Make Me ed ora in prima posizione. Mi tocca quindi rettificare: Spears Regina iTunes per mezza giornata.

Schermata 2016-07-15 alle 19.02.18

Autore

Articoli correlati

Comments

  • E quindi? 16 Luglio 2016 at 17:31

    Con un tweet (e dei leak che hanno considerato solo i fan) ha conquistato la #1 in 55 paesi, la Perry con 12 tweet, un video, intervista alla BBC, banner pubblicitari e presenza in prima pagina su iTunes, la storiella del “devo farla uscire adesso perché sento il bisogno di e bla bla bla” (come se un business milionario tenga conto delle opinioni di una poppettara, soprattutto quando è una canzone per le olimpiadi e quindi ci sono interessi di ALTRI oltre a quelli della casa discografica), #11 prime posizioni. È stata indubbiamente una lotta impari, la Perry è partita in netto vantaggio rispetto alla spears. Con questo non voglio demonizzarla, è business ed è giusto che ognuno faccia di tutto per raccattare i $$$. Resto comunque molto colpito da una spears che dopo 18 anni di carriera riesce ad ottenere simili risultati e a mantenere un fanbase così solidi. Credo che se lo meriti tutto questo.

    Ps la mossa dell’entourage della Perry è stata una infamata però, la capisco a livello di marketing ma esiste anche la dignità.

  • Guaaa 16 Luglio 2016 at 13:26

    Make me è bellissima e estiva….britney is back!!!

  • Lonely4M 16 Luglio 2016 at 2:38

    Hai dimenticato di dire che si è comprata i banner pubblicitari ovunque su iTunes, che ha svenduto il singolo a 99 cts per 3 ore, e che ha rilasciato un video e un intervista. Britney viene da un flop e da 18 anni di carriera.

  • Melchiorre Garini 15 Luglio 2016 at 22:45

    La canzone di Katy è nettamente superiore e molto più radiofonica, mi spiace per Britney, ma Katy la spazzerà via.

  • Personcina 15 Luglio 2016 at 22:07

    La Perry è avvantaggiata. Oltre che essere un personaggio più recente viene da un’era precedente di grandissimo successo. La Spears deve, per così dire, risalire un po’ la china.

  • Mario 15 Luglio 2016 at 20:21

    Il pezzo della Perry me pare più orecchiabile e penso possa andare meglio anche su billboard!

  • mdzboy 15 Luglio 2016 at 19:46

    La Perry tira di più perché è più “recente”, non è una lotta ad “armi pari”. Per questo credo che abbia vinto Britney comunque sia. Nel ritornello non c’è storia, parte quel make me..ooh ed è pura leggenda. Speriamo sappia giocarsi bene le sue carte perché è un singolo che spacca come se non se ne sentivano da un bel po’!

  • m 15 Luglio 2016 at 19:14

    Beh son notizie appassionanti!!!! Davvero!!!

  • MakeMe 15 Luglio 2016 at 19:06

    Non succedeva dal 2011. Work Bitch e Pretty Girls si sono fermate alle #2 se non erro.
    Detto questo, regina non solo di iTunes USA, bensì di 40 Paesi.

    Certo, attendiamo come manterrà, ma trovatemi un’altra star con 18 anni di carriera ad avere ancora questo impatto sulle classifiche.

  • MAKEME 15 Luglio 2016 at 19:04

    Non succedeva 2011. Work Bitch e Pretty Girls si sono fermate alle #2 se non erro.
    Detto questo, regina non solo di iTunes USA, bensì di 40 Paesi.

    Certo, attendiamo come manterrà, ma trovatemi un’altra star con 18 anni di carriera ad avere ancora questo impatto sulle classifiche.