Stonewall, Obama lo trasforma in monumento nazionale

Condividi

stonewall

stonewall-posterIl giorno del suo insediamento Barack Obama citò anche i moti di Stonewall, tra i momenti che hanno fatto la storia dei diritti in America.
Ebbene a 24 ore dall’uscita in sala del contestato film di Roland Emmerich (qui la mia recensione), ecco arrivare la notizia che proprio lo Stonewall Inn, sede di quella rivolta che la notte del 28 giugno del 1969 diede vita al movimento dei diritti glbtq, diverrà monumento nazionale.
Una sorta di ultimo atto di un’amministrazione che ha fatto tanto, tantissimo per gli omosessuali.
Sorgerà un Parco nazionale di Stonewall nel cuore di New York, nel Greenwich Village, considerata la culla del movimento moderno.
La designazione storica comprenderà il bar Stonewall Inn, Christopher Park, una parte di spazio verde di fronte al bar e parti del quartiere circostante.
Secondo il Washington Post, il National Park Service ufficializzerà il tutto in tempo per la celebrazione del pride.
Tutto questo per “aiutare gli americani a capire meglio i luoghi e le storie che fanno grande questa nazione”. Parole del Presidente riportate da un portavoce del dipartimento degli interni. Barack, quanto sarà complicato rimpiazzarti.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • !_!M!_! 8 Maggio 2016 at 14:42

    quest’uomo passerà davvero alla storia come uno dei migliori e più eccellenti tra tutti i presidenti che gli USA hanno avuto, peccato che basterà solo una legislazione di Trump a distruggere un operato costruito in 10 anni.