Cyndi Lauper e i giovani senzatetto gay: ‘ci vuole un programma educativo per i genitori’

Condividi

charity_back5

  Con la sua fondazione, la True Colors, Cyndi Lauper da anni si batte per aiutare i giovani senzatetto gay, che in America popolano in gran quantità le pricipali città.
Ragazzi scappati o cacciati di casa da genitori bigotti ed omofobi che non trovano altro riparo se non la strada.
La Lauper, che nel 2011 ha aperto un rifugio newyorkese per i giovani barboni glbtq, prova ora a tracciare delle soluzioni che possano risolvere il gravoso problema.

‘Abbiamo fatto un sacco di ricerche sui ragazzi che scappano di casa, sui ragazzi senzatetto LGBT, e abbiamo scoperto che sarebbe utile da parte dei genitori una risposta positiva al loro coming out. Una roba tipo ‘tu sei mio figlio, io ti amo ma devi darmi un minuto per metabolizzare la cosa’. Ma questi genitori sono lasciati soli. Dove diamine possono andare una volta ricevuta la notizia? Non da un predicatore, perché marchierebbe il ragazzo come peccatore da inferno, ne’ a scuola o dai vicini, per l’eventuale imbarazzo. E allora, dove andare? Bisogna dar vita ad un programma di assistenza sia per i ragazzi che per i genitori, che vanno aiutati, perché la maggior parte di loro ama i propri figli’.

La Lauper segue passo passo questa triste realtà dal 2011, ovvero da quando ha scoperto che il 40% di tutti i giovani senzatetto d’America è omosessuale. Cifre spaventose da dover combattere, e non più solo a parole.

true-colors-fund1

Autore

Articoli correlati