Giorgia Meloni, se una conclamata omofoba fascista fa gridare alla discriminazione sessista

Condividi

 1501521_10153937531332645_7709897499661358439_o

Strano Paese, il nostro.
Da circa 24 ore, ovvero da quando Guido Bertolaso ha messo a tacere le velleità da candidato Sindaco di Roma di Giorgia Meloni con un perentorio ‘pensi alla maternità‘, non si parla d’altro.
Bertolaso è dovuto tornare sui suoi passi per ‘rettificare’, mentre Berlusconi ha ribadito il concetto sottolineando le difficoltà nel gestire una città allo sfascio come la Capitale d’Italia a pochi mesi dal parto. Lei, gongolante e più o meno indirettamente, ha subito colto la palla al balzo cavalcando con audacia la bandiera della discriminazione sessuale.
Al suo fianco quelle cieche femministe che raramente colgono la differenza tra battaglia necessaria e strumentalizzazione mediatica, vedi stepchild adoption/utero in affitto, trasformando così una conclamata fascista nonché omofoba in una discriminata per sessismo.
Paradossi d’Italia, per un karma politico tricolore che aveva già colto in pieno Alessandra Mussolini, per anni in prima fila contro i pedofili al grido ‘castriamoli’ per poi ritrovarsi in casa un marito indagato per prostituzione minorile.
Che le donne possano fare tutto e in contemporanea, ma è persino idiota sottolinearlo, è palese.
Molti di noi sono stati cresciuti da mamme lavoratrici, in grado di dividersi tra professione, educazione e famiglia, tra mariti da sopportare, case da tenere in ordine e figli da coccolare. E l’hanno fatto meravigliosamente. Che la donna possa far questo e altro è la storia a raccontarlo, tanto dall’essere nettamente superiore all’uomo ma da qui a far passare Giorgia Meloni come paladina femminista ce ne vuole. Che la sua maternità sarebbe stata utilizzata in campagna elettorale era subito apparso chiaro,  da quando al Circo Massimo si presentò davanti a tutte le telecamere disponibili su piazza per annunciare ai quattro venti il lieto evento. SONO INCINTA. Mamma fuori dal matrimonio al Family Day.
Una roba meravigliosa che nulla è in confronto a quanto avvenuto oggi, che vede il vero nocciolo della questione fuori dalla discussione.
Perché Giorgia Meloni sarebbe un pessimo sindaco capitolino anche se single, sterile e iperattiva (i precedenti Polverini e Storace alla Regione e Alemanno al Campidoglio sono lì a ricordarcelo), per non parlare di quel ruolo da madre che la vedrà crescere un pargolo cullandolo tra i valori bigotti, razzisti e omofobi di un’estrema destra limitata e anacronistica. Eppure qui, incredibile ma vero, stiamo parlando di tutt’altro.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Marcel P. 21 Marzo 2016 at 19:42

    Ma è mai possibile che in Italia la destra debba essere composta solo da persone così squallide?

  • stilographs 17 Marzo 2016 at 15:21

    Fatti vedere tu da un bravo insegnante perché nel tuo delirio non sai distinguere tra maschili e femminili. Continua a grattarti le terga: è probabilmente l’unica attività in cui riesci bene.

  • Frederik 17 Marzo 2016 at 12:27

    Mi sto rigrattando il culo e quando leggo che confermi pure che è un blog di checche rido pure di te. Fatti vedere da un’insegnante di italiano comunque perchè hai problemi di comprensione quando leggi.

  • stilographs 16 Marzo 2016 at 20:18

    Non ho nessun uomo e adoro le donne, soprattutto quelle intelligenti, lotto con loro per raggiungere la piena parità e loro lottano con me per vedere riconosciuta la mia. E tu sei un povero represso che ha bisogno di sfogarsi contro gli altri in un blog di checche, per riempire il vuoto della tua esistenza. Fai pena. E anche un po’ schifo, a dirla tutta.

  • GiammyLumia925 16 Marzo 2016 at 19:01

    non che voglia difendere la Mussolini, quindi stando al karma non dovremmo combattere la pedofilia per non ritrovarci con un coniuge indagato/a o peggio un figlio violentato? Se un pedofilo dovrebbe stuprare un mio figlio/a non so come potrei reagire, sicuramente però non lo inviterei a cena

  • ziaassunta 16 Marzo 2016 at 12:21

    che donna squallida.

  • Luca 16 Marzo 2016 at 10:10

    la cosa che mi fa più schifo è che ha usato il figlio per fare buzz al family day e per raccattare pietà dopo che qualcuno aveva osato dirle che era un figlio concepito fuori dal matrimonio (che lei ovviamente ha venduto come “orribile attacco personale”), ed ora lo usa per fare la vittima della società maschilista che non accetta una neomamma sindaco (Bertolaso non ha aiutato con quel commento, ovviamente, ma non credo si possa pretendere una mossa intelligente da lui…)

  • stilographs 16 Marzo 2016 at 6:00

    È da un po’ che leggo tuoi interventi che mi fanno rabbrividire. Che ci fai in un blog di checche? Hai provato ad iscriverti a qualche forum di cattolici integralisti? O di nostalgici del fascio?
    Lo dico per te. Non deve essere facile spurgare tutta questa bile per ogni post che riguarda l’omosessualità e affini. L’uomo medievale aveva una mentalità più libera della tua. Prova a riflettere, magari non sempre. Però ogni tanto sì. Giusto per dimostrare a te stesso di non essere completamente acefalo.

  • Lola Ponce 16 Marzo 2016 at 1:16

    berlusconi? misogino? MA DDAI?? Ma comE??? incredibile. incredibile davvero.

  • Cristina Reggiani 16 Marzo 2016 at 1:15

    Condivido in pieno

  • Shkval 15 Marzo 2016 at 20:57

    Polemiche ridicole. È stata lei la prima a mettere in mezzo suo figlio come scusa per non candidarsi prima e per sventolare chissà quale famiglia al family day. Se qualcuno ti ricorda poi, anche poco galatemente, che hai un figlio a cui badare come da lei stesso affermato, è inutile che fai la vittima!

  • Frederik 15 Marzo 2016 at 20:20

    Wow non credevo potessi parlare in questo modo della figura femminile, spero perlomeno che ci siano anche tante altre checche qui che la pensino così

  • lorenzino 15 Marzo 2016 at 16:30

    se ‘sto cazzo di nano col cerone è riuscito a sedere sulla poltrona di palazzo chigi e contemporaneamente amministrare le sue aziende, guidare il milan, controllare mediaset, entrare e uscire dalle aule giudiziarie, cenare frequentemente ed elegantemente con una mandria di puttane minorenni e non, per la meloni fare la mamma e il sindaco di roma non dovrebbe essere un grosso problema…

  • Personcina 15 Marzo 2016 at 15:05

    La verità è che la meloni s’è fatta mettere in cinta apposta per non prendersi questa patata bollente perchè non ha i coglioni.