5 marzo a Roma, l’appello a gay.it di Monica Cirinnà: dobbiamo tutti insieme essere responsabili

Condividi

banner2

“Se la manifestazione del 5 ripropone la positività delle piazze del 23 sarà una bellissima manifestazione propositiva che mette in movimento sempre un passo avanti alla politica e lo segna come l’essere avanguardia della lotta per i diritti e le libertà. Se la piazza del 5 dirà ‘bene così ma è solo il primo passo’ per le adozioni ed il matrimonio egualitario, io mi sento di dire che sarà anche la mia piazza: credo di aver dimostrato la mia totale estraneità di interessi personali, come ha simpaticamente detto Crozza l’altra sera, sottolineando che io non sono neppure lesbica…. Una piazza propositiva, che dica abbiamo fatto il primo gradino di una scala sulla quale ancora ci sono molte cose da fare come l’adozione ed il matrimonio egualitario. Il percorso è sempre un campo minato, attenzione: la Camera dovrà decidere entro 40 giorni, votarla e portarla a casa. Basterà cambiare una virgola per far sì che la legge debba tornare al Senato è lì morire. Vi prego di considerare le mie parole come un serissimo campanello d’allarme: basta cambiare una parola perché la legge muoia. Rispetto a questo bicchiere mezzo pieno, avremo il nulla. Mi sento di fare un appello agli organizzatori del 5 marzo: l’irrigidimento di alcune posizioni ed il depauperamento dei valori che sono invece nella legge approvata al Senato, può portare qualcuno a dire tanto peggio, tanto meglio e favorire tutti i nostri nemici che comunque esistono, sono ancora forti e parlano di ricatto a Renzi sul referendum costituzionale. Cercare di arrivare all’approvazione alla Camera con animo più sereno da una parte e dall’altra sicuramente aiuterà. Ricordiamoci poi che serve poi la firma di Mattarella ed il decreto sull’anagrafe entro trenta giorni. Dobbiamo quindi tutti insieme essere responsabili”. Via GAY.it (qui tutta l’intervista).

E chi vuol capire, capisca.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • virginia 14 Dicembre 2016 at 20:10

    Si , lo sei , indubbiamente..

  • Shkval 29 Febbraio 2016 at 16:11

    Quello che sembra a te è anch’esso irrilevante.

  • Cinephile 29 Febbraio 2016 at 14:05

    Sembra quasi che tu ci speri…

  • Francesco Ridolfi 29 Febbraio 2016 at 9:24

    Dai Fede ma a che cosa dai corda? a una velata minaccia della cirinná!? Per me lei è stata una grandissima delusione perché la politica può essere altro, non deve essere per forza un compromesso al ribasso ma può essere anche una lotta estrema per valori che non si prestano ad essere annacquati. Se la legge cade io sarò contento nonostante sia il primo a rimetterci visto che non sono tanti i gay in Italia che vivono da 11 anni con il proprio compagno senza il minimo riconoscimento, però, in questa legge, mancava solo l’obbligo di mettere un naso rosso da clown durante il matrimonio per completare l’umiliazione. Se poi la cirinná ci dice che, se noi andiamo a manifestare contro questo schifo, c’è rischio alla camera dove il PD è larga maggioranza mi fa incazzare ancora di più..

  • Shkval 29 Febbraio 2016 at 9:04

    Che lo sia o no è irrilevante, Alfano ve l’ha messo comunque in quel posto preventivamente. Se poi non viene approvata la vittoria sarebbe totale.

  • Cinephile 28 Febbraio 2016 at 21:38

    Ma cosa stai dicendo? 🙂 La Cirinnà non è stata ancora definitivamente approvata. Quando lo sarà ne riparliamo.

  • Shkval 28 Febbraio 2016 at 20:23

    L’unico irrigidimento che ho notato è stato di quell’ombrello che vi siete fatti infilare dove non batte il sole da Alfano. La verità è che l’unico che può affossare questa legge alla Camera è il PD quindi se non siete nemmeno sicuri dei vostri voti forse è meglio che lasciate stare il governo del Paese e soprattutto i diritti altrui. Per il resto state boni come lo siete stati sulla Cirinnà e vedrete i meravigliosi risultati che vi attenderanno nei prossimi anni in Italia.

  • Signorino tumistufi 28 Febbraio 2016 at 17:21

    E così ci sarà il nulla e potremo dire grazie non all’impresentabile alfano ma alle varie associazioni gay. potremo così dire addio a tutto e ad ogni speranza !

  • Signorino tumistufi 28 Febbraio 2016 at 17:19

    Apo, ho letto solo ora i tuoi vecchi post sulla manifestazione. Dici che sarebbe giusto manifestare ma con toni non sguaiati . Tenendo conto che è difficile mantenere questa promessa, anche se i toni fossero delicati ed eleganti è sbagliato dal principio fare la manifestazione in questo momento !