Weekend, dopo 5 anni esce nei cinema d’Italia il capolavoro di Andrew Haigh

Condividi

 weekend bd597568cbbbf44bde32d435f8451eb0

Meglio tardi che mai, possiamo dirlo.
Dopo il boom dello splendido 45 anni, meraviglia che ha fruttato alla strepitosa Charlotte Rampling una più che meritata nomination all’Oscar, Weekend, opera prima del talentuoso Andrew Haigh, uscirà nei cinema d’Italia grazie alla Teodora Film.
L’evento diverrà realtà il prossimo 10 marzo, per un titolo diventato da subito di culto per la cinematografia glbtq.
Protagonisti Russell e Glen. I due si conoscono in un locale e si risvegliano fianco a fianco la mattina dopo. Quella che sembra solo l’avventura di una notte si trasforma però in qualcosa di più: nell’arco del weekend i due arriveranno a condividere sentimenti, ricordi, paure e desideri, fino a scoprirsi all’inizio di un’imprevista e travolgente storia d’amore.
Grazie anche ai suoi due straordinari protagonisti, Tom Cullen e Chris New, Weekend ha conquistato critica e pubblico perché in grado di scavare nei sentimenti più intimi di una coppia, raccontando sogni e problemi di un’intera generazione alla ricerca del proprio posto nel mondo.
“Volevo raccontare un’onesta, intima, autentica storia d’amore. Quel misto di paura e eccitazione che arriva insieme alla possibilità di qualcosa di nuovo. Volevo vedere questi due giovani uomini innamorarsi lentamente l’uno dell’altro, delle loro reciproche differenze, quasi come se stessero scoprendo dei pezzi mancanti di loro stessi. Volevo catturare quei momenti che due persone condividono quanto iniziano davvero a impegnarsi in una relazione. Russell e Glen sono due uomini che attraversano la vita in modi diversi ma entrambi cercano la stessa cosa: il loro posto nel mondo. Stanno provando a capire chi sono, cosa vogliono e come possono definire se stessi, in pubblico come in privato”.
5 anni dopo, grazie alla Teodora, Weekend diverrà cinema anche in Italia. Haigh, gay dichiarato, è anche produttore (nonché regista di molti episodi) di Looking.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Chiaaa 10 Febbraio 2016 at 21:12

    Il film è ben recitato, interessante sotto certi aspetti ma quando lo vidi al cinema era un po’ troppo lungo…

    Rimasi piacevolmente sorpreso quando scoprii che il regista era lo stesso di Looking

  • dolmayan0 10 Febbraio 2016 at 19:20

    No vabbè, non ci posso credere. Amo questo film *-*

  • markuss17 10 Febbraio 2016 at 19:03

    Molto bello e se possibile da vedere in lingua originale