Solidarietà al Mario Mieli, indegnamente attaccato da Carlo Giovanardi

Condividi

mieli2Sono preoccupato che il governo italiano nello specifico tramite l’Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) collabori con il Circolo Mario Mieli, intitolato ad un signore che scriveva a favore della pedofilia e della pederastia e del dovere di ogni madre di congiungersi con la figlia ed ogni padre con il proprio figlio”. “Il governo italiano continua a collaborare nonostante le interrogazioni presentate! Ma non vi vergognate a collaborare con un Circolo intitolato ad un signore pederasta e pedofilo? E’ come se il governo nel contrasto all’antisemitismo, collaborasse ad un circolo intitolato ad Adolf Hitler o Hermann Goering. Se esistono persone che inneggiano a queste patologie esistono anche preoccupazioni di questo tipo“.

Dichiarazioni fuori dal mondo rilasciate da Carlo Giovanardi, rispondendo in aula a Palazzo Madama a un intervento della senatrice de Biase (Pd) nell’ambito del dibattito sulla nuova legge sulle unioni civili. Attacco a cui l’attuale presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, Mario Colamarino, ha così replicato.

Glielo dobbiamo proprio dire, “signor” Giovanardi, che Mario Mieli è morto nel 1983 (magari non se ne è ancora accorto) e che noi continuiamo ad essere fieri del nome che portiamo.
La nostra Associazione si è distinta in questi 35 anni di vita per la tenacia con la quale ha saputo farsi voce potente delle istanze della comunità lgbtqi, combattendo ogni battaglia con determinazione e abnegazione. Siamo stati coloro che hanno reso possibile il primo Gay Pride italiano e siamo stati i primi a costruire una rete di assistenza volontaria per i malati di Aids negli anni Ottanta. Per noi parlano le centinaia di altri progetti e interventi in ogni settore della nostra società e gli attestati di stima che riceviamo ad ogni livello. Troviamo per questo ancora più squallido il subdolo attacco nei nostri confronti.
Dopo che illustri e stimati esperti e politici hanno spiegato a più riprese che il ddl Cirinnà non è incostituzionale, ora Giovanardi vorrebbe farci credere e che i figli di famiglie omogenitoriali non crescono felici ed equilibrati, come invece accade. Certo, se non ci fossero intorno esseri meschini, razzisti e omofobi che li discriminano e non accettano di riconoscerli pienamente come tutti gli altri bambini, sarebbe perfetto. Sono gli stessi meschini, omofobi e razzisti che, come il “signor” Giovanardi, se ne vanno al Family Day, accanto a Forza Nuova e alle forze ultracattoliche e biecamente conservatrici. D’altronde non ci stupiamo affatto: le camaleontiche qualità del “signor” Giovanardi sono note a tutti, avendo fatto comunella a destra e sinistra come più gli è convenuto. Per questo, “signor” Giovanardi, non le diamo dell’onorevole‘.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Shkval 9 Febbraio 2016 at 23:54

    Mieli teorizzava, i sodali di Giovanardi praticano.

  • Personcina 9 Febbraio 2016 at 19:23

    E non si vergogna lui di andare con tutto quell’ambiente che se non è pedofilo copre gli amichetti pedofili? Tutta gente che non è morta un secolo fa ma è ancora viva e ci vuole insegnare la morale?