Orange Is the New Black, Netflix esagera: rinnovo per altre TRE stagioni

Condividi

 Orange-is-the-New-Black-Poster

Lo ammetto.
Ho odiato, vista la perfezione delle prime due stagioni, la season 3 di Orange is the New Black (qui le motivazioni di un tempo).
Un crollo, a detta del sottoscritto, incredibilmente digerito dalla critica americana, che ha comunque travolto la serie Netflix di recensioni positive, con tanto di camionata di nomination, tanto agli Emmy quanto ai Golden.
Va da se’ che Netflix, dinanzi al continuo successo delle carcerate, abbia rinnovato lo show. Ma non per una sola stagione, bensì per TRE stagioni.
Jenji Kohan, showrunner, ha firmato e rimarrà a bordo della baracca fino alla fine della settima stagione, ovvero per 39 episodi ancora.
Notizia che arriva pochi giorni dopo la conferma di una 5° stagione di House of Cards, altra serie che idolatro, ribadendo lo scarso coraggio televisivo nel CHIUDERE baracca e burattini prima di crollare sotto gli inevitabili colpi dello sbrodolamento.

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Patrick Padova 6 Febbraio 2016 at 3:09

    Non sono riuscito ad andare oltre metà della seconda stagione. Boh.

  • blablabla 5 Febbraio 2016 at 18:00

    Idem, pur con tutti i suoi difetti ho apprezzato più la terza che la seconda. Troppo “seria” e lontana dai toni della prima (non mi é piaciuto per nulla che nella prima fossero tutte una grande famigla – con le dovute eccezioni – e poi basti UNA sola detenuta per creare casini e faide ovunque), e metteva Piper TROPPO in disparte (ok accantonarla un po’ ma cribbio, abbiamo una protagonista che non c’entra nulla con la storyline principale. E quella secondaria di cui fa parte é fin troppo patetica).

  • Domingo 5 Febbraio 2016 at 17:03

    Grandissima notizia.

    Io ho invece molto apprezzato al terza stagione, mentre ho faticato a digerire la seconda, troppo “autoconclusiva” nel suo inserire un nuovo villain, un personaggio che va palesemente a interpretare ‘il cattivo’, all’inizio, per poi farlo fuori alla fine.