x

#UnioniCivili, pediatri contro psichiatri – è indegno caos sulla stepchild adoption

Condividi

Si cerca una "terza via", una mediazione sulla stepchild adoption, il nodo più spinoso della legge sulle unioni civili. Che cos'è la Stepchild Adoption (88mm x 80mm)

Un’unica cosa appare certa. Certa stampa e certi personaggi stanno seriamente giocando con la vita dei bambini. Quelli già nati e con due padri e due madri al proprio fianco, ma senza diritti a traino. Mentre il M5Stelle ‘minaccia’ di non votare il DDL Cirinnà se verrà toccata anche solo una virgola al suo interno, il presidente della Società italiana di pediatria Giovanni Corsello si è lasciato andare a delle dichiarazioni non solo gratuite ma semplicemente folli, nella loro iinconsistenza scientifica:

“Vivere in una famiglia senza la figura materna o paterna potrebbe danneggiare il bambino”. “La discussione sulle unioni civili e la stepchild adoption dovrebbe comprendere anche i profili clinici e psicologici del bambino e dell’adolescente. Non si può infatti escludere che convivere con due genitori dello stesso sesso abbia ricadute negative sui processi di sviluppo psichico e relazionale nell’età evolutiva”. “La maturazione psicologica di un bambino si svolge lungo un percorso correlato con la qualità dei legami affettivi all’interno della famiglia e con i coetanei. La qualità delle relazioni umane e interpersonali, nonché il livello di stabilità emotiva e la sicurezza sociale di un bambino, sono conseguenze di una maturazione psicoaffettiva armonica. Studi e ricerche cliniche hanno messo in evidenza che questi processi possono rivelarsi incerti e indeboliti da una convivenza all’interno di una famiglia conflittuale, ma anche da una famiglia in cui il nucleo genitoriale non ha il padre e la madre come modelli di riferimento”. “Quando si fanno scelte su temi di così grande rilievo sociale, che incidono sui diritti dei bambini a crescere in sistemi protetti e sicuri, non possono essere considerati solo i diritti della coppia o dei partner, ma va valutato l’interesse superiore del bambino”.

Quali siano questi ‘studi’ e queste ‘ricerche cliniche’ non è chiaro.
Il pediatra Corsello ha così gettato un vero e proprio macigno nello stagno della disinformazione omogenitoriale, subito smerdato da Claudio Mencacci, presidente della Società italiana di psichiatria:

“Su questo tema si stanno ancora raccogliendo dati ed è quantomeno prematuro esprimere opinioni scientifiche su situazioni sociali molto recenti. Ciò che conta è valutare la capacità affettiva dei genitori, la capacità di accogliere e seguire la crescita dei bambini, creando un ambiente sicuro, sereno e protettivo. E questo non dipende certo dal ‘genere’ dei genitori. Mentre è dimostrato – questo invece è sicuro – che nelle famiglie ‘etero’ possono prodursi danni nella psiche dei bambini quando il rapporto tra i genitori è in crisi”. “Quasi tutti gli studi prodotti finora partono con un gap: vogliono dimostrare la validità di una testi piuttosto che di un’altra. E quindi non sono affidabili”.

Punto.

Autore

Articoli correlati