Le Iene, l’intervista doppia a Sergio Lo Giudice e al marito Michele – video

Condividi

Schermata 2016-02-03 alle 09.17.02

Da 10 anni insieme, con figlio di 21 mesi nato tramite madre surrogata. Da una parte un avvocato, dall’altro il presidente onorario Arcigay nonché senatore della Repubblica italiana. 4 anni e mezzo di matrimonio, avvenuto in Norvegia, e una doverosa richiesta di diritti. Che vadano ‘oltre’ i tipici vantaggi parlamentari. Sergio Lo Giudice e Michele Giarratano (video), questa non sarebbe una famiglia?

Autore

Articoli correlati

Comments

  • Key- hit me Naomi 1more time 3 Febbraio 2016 at 19:43

    Si presume che se decidi di rilasciare un intervista e sei a conoscenza su cosa verterà la discussione, tu sia alquanto preparato sull’argomento o perlomeno che ti farai trovare preparato.
    A maggior ragione se sei un avvocato e dunque il lessico non ti manca, sopratutto se si tratta di materia giuridica che ti compete e ancora più rilevante se riguarda il riconoscimento di tuo figlio.
    Ho trovato davvero impreparati entrambi. Non hanno saputo rispondere proprio ai quesiti più pungenti come l’utero in affitto.
    Nonostante abbiano intrapreso quel percorso avendo un figlio sembra che non abbiano tratto nulla di concreto oltre il bambino.
    Una pessima intervista molto deludente.
    Stefania è stata precisa nelle domande, ponendo quelle più scomode e che richiedono maggiore chiarezza dal momento che sono le stesse su cui fanno leva gli oppositori.
    Loro non hanno saputo rispondere addirittura Giarratano ad una si è astenuto.
    Sarebbe stato decisamente meglio che non si fossero esposti,
    poi Giarratano con la sua spocchia da “donna in carriera” pure peggio.

  • Feb 3 Febbraio 2016 at 19:22

    Sarò ingenuo io (e anche disinteressato alla pratica) ma 100.000€ mi sembrano una cifra inimmaginabile

  • Daniii 3 Febbraio 2016 at 14:56

    Tutto vero, e comunque io lei l’apprezzo di solito, ma stavolta non mi sono piaciute le domande sulla madre surrogata, come a voler sottolineare che ci sia qualcosa di sbagliato. Va detto che loro non hanno risposto benissimo.

  • chiaaa 3 Febbraio 2016 at 13:18

    Mi piacerebbe vedere anche video di giovani under 30, determinati, che vivono in Italia, incazzati, che con corretta dizione espongano i l’arretratezza del nostro paese. È pieno di coppie gay, normali e cool nel mondo delle start up e del 2.0 che possono fare molta più presa mediatica

  • Personcina 3 Febbraio 2016 at 9:48

    Appunto, perchè si attaccano tanto alla stepchild adoption come veicolo per la maternità surrogata quando questa è comunque possibile? Ovvio che è solo una scusa per affossare la legge. Questi signori si sono uniti in matrimonio all’estero e sono ricorsi alla madre surrogata senza che in Italia ci fosse alcuna legge, neanche le unioni civili senza stepchild adoption.
    Piuttosto la vera discriminante per una coppia, etero o omo che sia, è la disponibilità di denaro.
    Pensa quanto sono stronzi, non possono impedire ai ricchi la maternità surrogata e intanto cercano di negare tutele alle coppie più povere e ai loro figli.