x

Emma Marrone e i diritti glbtq: nessuno può giudicare quando un amore è sano oppure no

Condividi

Schermata 2016-01-28 alle 12.42.41

Penso alle persone che amo e al fatto che, se avessi una figlia gay, vorrei che crescesse in un mondo in cui le siano garantiti gli stessi diritti di tutti. Soprattutto quello di essere felice. Nessuno può giudicare quando un amore è sano oppure no”. “Quando, all’inizio della carriera, si parlò della mia presunta omosessualità, chiamai subito a casa. E papà mi disse: ‘Non mi importa se torni con un uomo o una donna, basta che torni con qualcuno che ti rende felice'”. “Se fossi lesbica non avrei problemi a dirlo, ma sono d’accordo con chi sceglie di non farlo. Non voglio ‘difendermi’: essere gay non è un’accusa, né un insulto. Il coming out dovrebbe essere un fatto privato, un’esigenza personale, non una giustificazione o una scusa in un clima di caccia alle streghe“. Via Grazia (tramite realityshow).

Dissento sul coming out ‘pubblico’ da parte dei personaggi famosi, perché l’utilità del gesto andrebbe mostruosamente oltre il ‘l’esigenza privata e personale’, ma un sentito brava ad Emma Marrone ci sta tutto.

Autore

Articoli correlati