Russia omofoba, in galera per un bacio gay: la proposta choc di due parlamentari

Condividi

Vietati per legge anche i baci.
E gli abbracci.
Vietato tenersi per mano.
Vietato sfiorarsi.
Se si è gay.
La folla proposta del giorno arriva da Ivan Nikitchuk e Nikolay Arefyev, deputati che hanno chiesto al Parlamento russo di vietare per legge tutte le effusioni pubbliche NON tradizionali.
Vedi omosessuali.
In Russia è da oltre un anno VIETATO ‘promuovere’ l’omosessualità, leggi manifestazioni di piazza, concerti e quant’altro, con questa ennesimo e clamoroso divieto che farebbe scivolare il Paese ancor di più nell’orrore omofobo.
Dinanzi ad un bacio gay in strada i due deputati chiedono MULTE dai 15 ai 71 euro e fino a 15 giorni di carcere. Un ‘inasprimento delle pene’ che Nikitchuk ha giustificato parlando di ‘inefficace legge sulla propaganda gay’.
A detta di questo folle ‘l’omosessualità è un pericolo per l’umanità in quanto promuove una riproduzione fallimentare’.
Se passassero simili proposte, è evidente, essere gay in russia diverrebbe di fatto ILLEGALE.

Autore

Articoli correlati