Amy, il doc su Amy Winehouse sbanca il botteghino d’Inghilterra

Condividi

Amy Winehouse è ancora tra noi. Almeno nei pensieri dei tanti che l’hanno amata, ascoltata e difesa, prima che morisse nel 2011. A dimostrarlo il boom che è andato in scena nei cinema del Regno Unito.
Amy, documentario di Asif Kapadia fortemente attaccato dal padre della cantante, ha incassato la bellezza di 580.000 dollari all’esordio. Mai un documentario aveva fatto tanto nei cinema inglesi.
Straordinario anche il risultato ottenuto in America, con 222,000 dollari incassati in appena 3 giorni e con solo 6 sale a disposizione.
Tutto questo con Mitch Winehouse che ha annunciato di voler realizzare un altro doc sulla figlia insieme all’ex fidanzato Red Traviss.
Diremo la verità su Amy, cosa che non ha fatto Kapadia. Non è vero che abbiamo lasciato Amy per la sua strada negli ultimi tre anni della sua esistenza. Lo ritengo un insulto a tutta la famiglia”.
Beghe a cui i fan della Winehouse, evidentemente, frega cazzo.
Amy sbarcherà nei cinema d’Italia con GOOD FILMS il prossimo 15, 16 e 17 settembre.

Autore

Articoli correlati