x

Unioni Civili, Ivan Scalfarotto da’ il via allo sciopero della fame

Condividi

Il tempo non basta più, scrive Ivan Scalfarotto su Il Post.
Il Sottosegretario di Stato al Ministero delle Riforme costituzionali e Rapporti con il Parlamento nel Governo Renzi è infatti entrato in sciopero della fame.
Non era mai successo che un membro del Governo arrivasse a tanto.
Il motivo? Facile a dirsi. La lentezza del Parlamento italiano nel dare diritti a chi diritti non ne ha.
È notizia di ieri l’ultima aggressione omofoba a Polignano a Mare, vicino Bari, ma la legge sull’omofobia è ferma in Senato dal 19 settembre 2013, data della sua approvazione alla Camera. La legge sulle unioni civili corre sempre il rischio di fermarsi allo stesso modo. Ecco: vorrei sostenere il cammino di entrambe le leggi con un gesto pubblico e politico, ma allo stesso tempo profondamente personale‘.
Queste le parole del deputato PD, che ha così scelto la via ‘radicale-pacifista’ dello sciopero, nella speranza ‘di aprire un dibattito nel Paese che sottragga questo tema all’idea che si tratti della battaglia di una minoranza e lo restituisca alla dignità di una questione nazionale, che investe il modo di essere e la natura stessa della nostra democrazia. E chiedendo apertamente l’appoggio delle tante persone di buona volontà che fino a oggi hanno magari pensato che bastasse aspettare, che le cose sarebbero andate per il meglio da sole. Non è così‘.
Caro Ivan, hai tutto il nostro appoggio e sostegno, se non fosse che per ‘scioperare’ contro il proprio Governo solitamente ci si dimette.
Ed ora che vogliamo fare, caro Matteo Renzi. Farlo morire di fame?

Autore

Articoli correlati