Tiziano Ferro e il coming out: la mia vita è migliorata del 400%

Condividi

Se potesse parlargli (al Papa ndr) avrebbe qualcosa da chiedergli, magari sulla questione dell’omosessualità?
Mi piacerebbe ma penso che la questione sia da vedere in modo più generale. Il problema è la difficoltà di sentirsi liberi di vivere nel proprio paese, riconosciuti e supportati, questo parte dall’impossibilità di sentirsi famiglia per persone che non hanno un contratto istituzionale, dalla non protezione di un certo lavoro intellettuale e anche quindi dall’essere omosessuali. La cosa che più mi fa male non è tanto che non si facciano grandi passi avanti ma che non ci sia la percezione che questi passi vadano fatti. La vera domanda che vorrei fargli è se secondo lui verrà mai il momento in cui tutti potremo sentirci liberi di essere quello che siamo“.

Ormai è passato del tempo dalla sua dichiarazione.
Sono esattamente cinque anni… e due dischi“.

Crede che il suo gesto sia servito, magari a incoraggiare altri ragazzi a vivere più serenamente e con più trasparenza la propria condizione?
Me lo auguro, di feedback ne ho avuti molti ma ci tengo a dire che non l’ho fatto per questo. La vera ragione era personale, era inevitabile per un solo motivo: il processo di accettazione di me stesso che mi avrebbe portato a stare meglio, doveva per forza passare attraverso una fase in cui la pace doveva esser mia in mezzo alle persone che amo, non più solo accettata o tollerata, ma condivisa, quindi bella. Sono partito da me stesso poi sono passato attraverso gli amici, la mia famiglia. La mia vita è migliorata del quattrocento per cento. Poi inevitabilmente è un passo che ho messo a disposizione di tutti, se è servito sono ancora più contento“.

Dolce e Gabbana sono suoi amici. Non è rimasto sorpreso dalle loro dichiarazioni sulla fecondazione in vitro, definendo bambini sintetici i risultati di questa scelta?
Non pensavo che diventasse una bomba mediatica di questa portata. Inutile dire che non la penso così. Ho imparato a rispettare le opinioni di tutti, rispetto anche la loro. Se lanci un messaggio è anche perché hai bisogno di ascoltare quello che ti dicono le persone. A me la gente ha insegnato il valore della comprensione, del rispetto come massimo valore della dignità delle persone, al di là delle scelte sessuali o sentimentali. Loro sono amici, sono artisti che ammiro e rispetto ma spero che questo polverone insegni loro che oggi abbiamo bisogno di esempi positivi e non distruttivi“.

Via REPUBBLICA.

Semplicemente Tiziano Ferro. Un grande.

Autore

Articoli correlati