Tidal, Madonna difende la sua partecipazione e i prezzi d’abbonamento: niente è GRATIS

Condividi

C’è anche Madonna tra i tanti volti celebri che hanno appoggiato Tidal, il nuovo servizio musicale streaming targato Jay-Z.
Un lancio molto criticato a causa dei costi: 9.90 dollari al mese con una bassa qualità musicale, che salgono ai 19.99 per una qualità maggiore. Ovvero 4 volte il costo di Spotify. Madge, via Instagram, ha difeso il progetto del rapper.
“Tutto sarà spiegato e rivelato nel tempo! Abbiate fede. E ricordate che niente è gratis! Questa è una legge universale. Da qualche parte, in qualche modo, qualcuno deve pagare. C’è sempre uno scambio”. “Se poi vi state riferendo a Tidal come a dei nuovi Illuminati, ci state facendo il più alto dei complimenti. Come ho detto prima, è un altro nome per  gli Illuminati, un gruppo di scienziati, filosofi e artisti che sono emersi dopo secoli di buio e hanno cambiato  forma al mondo!“.
Vabbè, magari anche meno, ma lei, the Queen, ne sa qualcosa.
D’altronde il 3% di Tidal, neanche a dirlo, è nelle sue mani.

Autore

Articoli correlati