x

#UnioniCivili a Roma – attacco fascista in Campidoglio, voto rinviato a MERCOLEDI MATTINA – i VIDEO

Condividi

Una fredda ma splendida giornata di sole.
Una storica e fredda ma splendida giornata di sole.
Così si presentava questo martedì 27 dicembre in Campidoglio, con le Unioni Civili per un anno e mezzo inseguite dalla Giunta Marino ad un passo dall’approvazione definitiva.
Pubblico numeroso nell’Aula Giulio Cesare, con maggioranza presente e opposizione quasi del tutto assente. Quasi, per l’appunto. Perché leghisti (Marco Pomarici), NCD, Forza Italia e movimento Marchini (Alessandro Onorato) hanno presentato decine e decine di emendamenti per fare ostruzionismo, provocare inutili dibattiti con l’unico scopo di perder tempo.
Alle ore 17:00 circa, poi, il colpo di scena.
Un gruppo di fascistelli irrompe in aula, scavalca le barriere che dividono il pubblico dall’Assemblea e prova a ‘sfondare’ il flebile muro di poliziotti. Tutto questo mentre una consigliera del NuovoCentroDestra (Lavinia Mennuni)  tira fuori da sotto i banchi un cartellone largo un metro con sopra scritto ‘Maschio e Femmina li creò’.

E’ il caos.
Spinte, urla, insulti, fotografi impazziti, poliziotti incapaci di gestire il tutto, telecamere accese.
E’ il momento di visibilità voluto dagli omofobi del terzo millennio, sempre più in minoranza, ignoranti, volgari, violenti e incapaci di discutere civilmente, tanto da dover dar vita a teatrini simili. Perché se nei salotti della tv ‘APRONO’ ai diritti, vedi Salvini e la signora Berlusconi in nome di FI e per conto della Carfagna, nelle aule che contano tornano ad essere quello che sono. Trogloditi. Dopo 30 minuti di panico la decisione finale, anche se con il voto contrario dei 5 Stelle (da non dimenticare).
Si va ad oltranza. Anzi no. Nuova piroetta, voto rinviato alle 10 del mattino di MERCOLEDI’ 28 gennaio.
Entro DOMANI POMERIGGIO, in conclusione, le Unioni Civili avranno un loro registro capitolino, nell’attesa che anche il GOVERNO CENTRALE, vedi Matteo Renzi, si smuova per darci definitivamente quel che ci spetta.
Puri e semplici diritti. Nell’attesa, domani tutti in Campidoglio.


campidoglio fascisti di DrApocalypse



Autore

Articoli correlati