Transparent, l’imperdibile serie Amazon sul mondo transgender

Condividi

Se non fosse stato per le due strameritate nomination ottenute ai Golden Globe non avrei mai saputo della sua esistenza.
Mea culpa, mea culpa mea grandissima culpa.
Perché tra le serie inedite di stagione ce n’è una legata al mondo glbtq che NON potete/dovete perdere.
Transparent, serie Amazon Studios scritta e diretta da Jill Soloway.
10 gli episodi della prima stagione, dalla durata breve di mezz’ora l’uno.
10 episodi che ci fanno conoscere la famiglia Tambor.
Padre, ex moglie e 3 figli.
L’incipit è straordinario. Il papà pensionato deve dire una cosa ai 3 pargoli, ormai cresciuti, cinici e tendenzialmente egoisti.
I tre credono che abbia un cancro e che stia per morire.
Ma così non è. Mort, padre amorevole, è infatti diventato Maura. O forse dovremmo dire che è pronto a diventarlo, perché in procinto di operarsi. Ma lui già si sente Maura. E’ Maura. E’ una lei per decenni intrappolata nel corpo di un lui.
Dopo una vita di menzogne, l’uomo è finalmente disposto ad indossare i propri veri abiti. Quelli di una donna.


Intensa e toccante la prova d’attore di Jeffrey Tambor, giustamente candidato non solo ai Golden ma anche ai Satellite Awards. Che vincerà a mani basse.
Il suo personaggio è commovente e delicato, perché pronto a planare verso quella libertà per una vita negata, tra flashback di costrizione e chiacchierate liberatorie con una nuova amica completamente operata. Felicità a lungo negata a causa anche delle proprie paure e insicurezze. Al suo fianco tre figli che sono tutto un programma. L’artista Jay Duplass, la ninfomane depressa Gaby Hoffmann, la madre di famiglia nonché sposata Amy Landecker, che di punto in bianco capisce di essere lesbica.
Tre disastrose esistenze solitarie a cui viene dato il compito di strappare più di qualche risata. Perché Transparent è incredibilmente una commedia, anche se dal taglio ‘drammatico’ nel raccontare le difficoltà di un Universo troppo spesso dimenticato e raramente raccontato. Quello transgender, con scelte nette che il più delle volte cancellano contatti familiari e d’amicizia.
Nessuna rete italiana c’ha ancora messo le mani sopra, e chissà se mai tutto ciò accadrà, ma certo è che Transparent rientra di diritto tra le migliori novità seriali di stagione. Ergo, se non l’avete ancora fatto recuperatela. Non ve ne pentirete.

Autore

Articoli correlati