Sam Smith e le 6 nomination ai Grammy: ovvero quando dell’omosessualità non frega un cazzo a nessuno

Condividi

Record of the Year
Album of the Year
Song of the Year
Best New Artist
Best Pop Vocal Album
Best Pop Solo Performance

Sam Smith è stato l’artista maschile più nominato ai Grammy Awards 2015, con 6 candidature portate a casa. Davanti a lui solo Beyonce a quota 6.
Ma c’è un qualcosa che differenzia il talentuoso e straordinario Sam.
L’omosessualità.
Smith è gay dichiarato.
Artisticamente parlando lo è da sempre.
Ha fatto coming out ancor prima di pubblicare lo straordinario In the Lonely Hour, suo disco di debutto. Nel giro di sei mesi sono arrivati il successo di critica, di pubblico (2,228,000 copie vendute in tutto il mondo) ed ora la pioggia di nomination agli Oscar della musica.
Ennesima dimostrazione che quando ci sono voce e talento a nessuno, ma proprio a nessuno, freghi altamente un beneamato cazzo del tuo orientamento sessuale. 10, 100, 1000 Sam Smith.

Autore

Articoli correlati