GayTard: 16enne umiliato con una targhetta omofoba dal datore di lavoro

Condividi

Tyler Brandt ha 16 anni appena ma ha avuto il coraggio di denunciare l’omofobo datore di lavoro che per mesi l’ha umiliato. Tyler lavorava in un Taco John del South Dakota. Il manager responsabile l’ha più volte sfottuto dinanzi alla clientela perché omosessuale, tanto da obbligarlo ad indossare una targetta personalizzata con scritto ‘GAYTARD’.
Esausto, Brandt ha alla fine presentato una denuncia per discriminazione alla Equal Employment Opportunity Commission.
Il giorno dopo aver ricevuto quella targhetta da indossare Tyler si è licenziato.
Il CEO del franchising Taco John ha avviato un’inchiesta interna, con il presunto omofobo che ha definito il ragazzo un bugiardo, tanto dall’essersi praticamente inventato tutto. Targhetta compresa. Ma lui non molla, sostenendo di avere non pochi testimoni. Ergo, caro ragazzo, fagli il culo a strisce a quella merda.

Autore

Articoli correlati