Il Pride di Roma gemellato al Pride di San Francisco

Condividi

Questa iniziativa offre l’opportunità di ribadire una volta di più l’importanza del riconoscimento dei diritti e della libertà di amare, un diritto che è proprio di tutte le comunità moderne. Credo che abbia un alto valore simbolico, considerando che la città di San Francisco ha ospitato uno dei primi e maggiori esponenti del movimento gay, Harvey Milk. Troppe volte, negli ultimi anni, la città di Roma è stata teatro di aggressioni omofobe e di altri gravissimi episodi di discriminazione: fenomeni inaccettabili, che una comunità forte e unita deve saper respingere con decisione, a cominciare dalle sue Istituzioni. Roma deve invece diventare ogni giorno di più la capitale dell’accoglienza e dell’uguaglianza, in cui nessuno possa mai più sentirsi offeso, né marginalizzato e dove la cultura del rispetto rappresenti un valore non negoziabile“.
Parole e pensieri del Sindaco di Roma Ignazio Marino, qui immortalato in Campidoglio al fianco del Sindaco di San Francisco Edwin Lee.
Ed ora, dopo il gemellagio tra Pride che ci sia anche il gemellaggio dei diritti.
Caro Ignà. Perché da sto punto de vista San Francisco ce magna in testa.

Autore

Articoli correlati