x

#Xf7 – trionfo Michele, sorpresa Ape Ascape – ma ora cambio giudici

Condividi

E’ andata a finire com’era ovvio e scontata che finisse.
Ovvero con Morgan che si sbatte Mika sul palco, Michele che vola alto duettando con Giorgia, Elisa con i capelli incredibilmente puliti che trascina gli Ape Ascape, quella gran rosicona di Violetta solo terza ed Aba, brava con Biondi, inevitabilmente quarta.
X-Factor 2013 ha così chiuso baracca e burattini, in una cornice di pubblico straordinaria, dinanzi ad un palco monster e con gli One Direction che live hanno esplicitato il perché vendano tanto: perché ce sanno fa e son bravi. Poco da dire.
Per il resto sarà dura tramutare Michele in una ‘popstar’, anche se il ragazzo ha talento, non è eccessivamente montato e con un Sanremo alle porte. Promossa Sky, che in questa edizione ha speso l’impossibile per rendere il tutto accattivante, ma bocciati i giudici. Inutilmente logorroici il più delle volte, con Simona Ventura incapace di andare oltre le 4 solite minchiate (musica italiana, mi sei arrivato, armonizzazione pazzesca, BOSE), Elio insopportabile, Morgan immancabilmente egocentrico e Mika partito a bomba ma calato con il passare delle settimane, ma soprattutto responsabile di un DISASTRO. Perché nessuno aveva mai avuto una squadra tanto forte come quella delle Under Donne 2013, da lui distrutta.
Ci vorrebbero volti nuovi, per la stagione 2014, magari in alcuni casi più competenti e ‘polemici’ (Cabello, Costantino, Ambra, Morgan), ovvero in grado di non gridare al capolavoro di interpretazione ad ogni pezzo cantato. Perché dei 12 concorrenti visti in 3 mesi sarà oro colato se tra due anni ce ne ricorderemo UNO.
Quindi anche meno entusiasmo e sbrodolamenti gratuiti, con XF8, perché a fasse pijà per culo, lo spettatore, non ce sta.
E se la ride sotto i baffi, visto che tra una pioggia di complimenti e l’altra, nel momento stesso in cui arriva la pubblicità, ecco che sbucano Chiara Galiazzo tra le lesbiche in una foresta eccitata dagli sms e Ics volto delle salsicce Aia.
Quando si dice l’X-Factor.

Autore

Articoli correlati