x

Perez Hilton replica a Lady Gaga: ma quale stalker (a matta)

Condividi


“Da tempo volevo tornare a New York in pianta stabile. Negli anni 90 New York è stata casa mia per sei anni, prima che mi trasferissi a Los Angeles. Ci ho vissuto per 3 mesi, l’anno scorso, mentre ero a Broadway per uno spettacolo. Sono appena diventato padre e sono concentrato solo sulla mia famiglia e su dove potremmo essere più felici. Amo New York ed è lì che io e la mia famiglia vorremmo adesso stabilirci. Domenica il mio agente immobiliare mi ha mostrato una lista di appartamenti da affittare. Ho saputo soltanto dopo che Lady Gaga vive in uno degli edifici che abbiamo visitato, e che era in giro per il Paese, a Los Angeles, quando ho visto l’appartamento. Dopo una giornata di innocente ricerca case sono devastato, e il mio cuore è ferito perché la mia vecchia amica, una persona che chiamavo “mogliettina” e con la quale ho viaggiato per il mondo, sta ora rilasciando pubbliche e menzognere affermazioni su di me via Twitter. Se per me è doloroso entrare nei dettagli del motivo per cui ho deciso di non averla più nella mia vita, posso dire che sono solo un critico e non uno stalker. Qualsiasi affermazione che io la stia stalkerando, basata su una giornata di ricerca case con mio figlio e mia madre, è assolutamente falsa e diffamatoria, tanto da mettere me e la mia famiglia in pericolo. Continuerò ad essere un critico e continuerò ad avere delle opinioni e a parlare di musica e canzoni, come Applause di Gaga. Spero che i suoi fan la smettano di inviarmi minacce di morte, perché l’idea che io possa mettere in pericolo Gaga è assurda. Se i suoi fan vogliono mandare un messaggio di supporto a Lady Gaga, dovrebbero comprare la sua musica. Nonostante i miei sentimenti sulla nostra relazione personale, auguro a Lady Gaga felicità e successo, e vi assicuro che la ricerca di una casa per la mia famiglia non ha niente a che vedere con lei“.

E la comica, ridicola, stucchevole ed evitabile soap opera, stupidamente alimentata dalla stessa Lady Gaga su Twitter con un cinguettio da neuro, continua.
Alla prossima puntata…

Autore

Articoli correlati