Napoli dice SI’ alle coppie di fatto

Condividi

L’aveva promesso in campagna elettorale, e ora sta mantenendo gli impegni presi con gli elettori.
Napoli si prepara all’istituzione del registro delle coppie di fatto firmato Luigi de Magistris. La Giunta napoletana ha infatti approvato due delibere su proposta dell’assessore alle Pari opportunità Pina Tommasielli ed all’Anagrafe elettorale Bernardino Tuccillo.
Dopo il comune di Torino e quello di Milano anche Napoli compie un passo significativo verso il riconoscimento pieno dei diritti civili e per la piena attuazione della Costituzione“. Con queste parole De Magistris ha commentato il primo passo per arrivare all’agognato registro, mentre plaude Ivan Scalfarotto, vice presidente PD: “L’avvio dell’iter per la costituzioni del registro delle Unioni Civili a Napoli è un altro importante segnale di come questa città chieda forti segnali di discontinuità e cambiamento e di come il sindaco De Magistris sia pronto ad ascoltare e ad agire con coraggio. Quelli di oggi sono atti concreti che rispondono a quella forte richiesta di cambiamento che è giunta chiara dai cittadini napoletani e che mi ha spinto a scegliere proprio Napoli come prima tappa di ‘Changes – fare il cambiamento’ per ragionare su idee, spunti e opportunità di questa città e di tutto il Mezzogiorno. Sono contento che proprio da Napoli parta una risposta concreta su un tema che la politica nazionale ancora sembra non avere il coraggio o la voglia di affrontare. Il riconoscimento delle nuove famiglie è una dimostrazione della capacità di riconoscere e vivere il proprio tempo di cui parleremo domenica con De Magistris e sarò lieto di ringraziare personalmente il sindaco di Napoli anche per l’efficacia e l’innovazione degli strumenti amministrativi che la Giunta di Napoli ha deliberato“.
Fatti i miei più sinceri complimenti a Luigi De Magristris, a suo tempo sceso in strada anche durante il Gay Pride cittadino, aspetto ora con ansia e trepidazione che Giuliano Pisapia in quel di Milano faccia altrettanto. CI VORRA’ UN ANNO O FORSE MENO, ha annunciato ad inizio novembre. Speriamo solo che sia davvero così…

Autore

Articoli correlati