x

Alla Gelmini continua a scureggià er cervello

Condividi
La Ministra più odiata e contestata della storia della Seconda Repubblica, Maria
Stella Gelmini, continua a sparare vergognose cagate.
Dopo aver TAGLIATO tutto il tagliabile, ridotto l’istruzione italiana a una perenne umiliazione, massacrato l’università, aver promesso UNA TV IN OGNI CLASSE e taciuto dinanzi ad una scuola pubblica trasformata in SEDE LEGHISTA, ecco arrivare l’apertura FOLLE alla Chiesa Cattolica, giusto per non dimenticarsi COME appecorarsi, nel caso in cui qualcuno se lo fosse dimenticato, promuovendo l’ultima sparata vaticana, ovvero “Leggiamo la Bibbia nelle Scuole”:
“La scuola deve istruire i ragazzi ma deve anche formare dei cittadini responsabili e degli adulti consapevoli dei propri diritti e dei propri doveri. Questo insieme di valori e insegnamenti, nel mondo occidentale, è rappresentato dalla tradizione cristiana.” E’ quindi importante che i nostri figli, nel bagaglio di conoscenze che la scuola deve garantire loro, possano incontrare fin da subito un testo che ha determinato la nascita della civiltà in cui viviamo e che parla ai cuori e alle coscienze di tutti. “L’Occidente è stato edificato sugli insegnamenti del cristianesimo ed è impossibile, senza comprendere questa presenza, studiare la sua storia, capire la filosofia, conoscerne l’arte e la cultura nè si può dialogare e confrontarsi in modo proficuo con le altre culture». «In una fase della storia che richiede il più ampio sforzo per sconfiggere l’odio, dobbiamo fare in modo che i nostri giovani siano consapevoli della propria identità per potersi confrontare con le altre e crescere e vivere nel rispetto reciproco». 
Che qualcuno ricordi alla Signora Gelmini che è MINISTRO di uno Stato dichiaratamente ed orgogliosamente LAICO. Che la Bibbia, se proprio ci tiene tanto, se la legga a casa prima di infilarsi sotto le coperte, senza imporla e rompere i coglioni a NESSUNO, a partire dalla scuola pubblica e dai suoi, e da lei maltrattati, studenti.
Grazie.

Autore

Articoli correlati