Cara Emma, ma che cazzo stai a fa?

Condividi

Una rimonta clamorosa.
Gli ultimi sondaggi lo sottolineano, lo sbandierano.
Emma Bonino sarebbe prmai ad un passo da Renata Polverini. Le candidate per la Regione Lazio sarebbero davvero a pochi punti di distanza.
Chi se lo sarebbe mai aspettato 3 settimane fa? Nessuno, probabilmente neanche il Pd, che ha accettato la candidatura radicale perchè incapace di trovare un nome FORTE da mandare contro all’ex leader Ugc, scaricando così l’eventuale sconfitta ai radicali stessi, e probabilmente neanche la Bonino, in cerca di ossigeno per un partito, quello Radicale per l’appunto, con l’acqua alla gola.
Eppure l’aggancio e il clamoroso sorpasso sono davvero dietro l’angolo.
La Polverini sono settimane che colleziona gaffe a ripetizione, litigando con gli interni del Pdl e candidando amici e parenti, in una politica che già di suo puzza di vecchio e stantio e soprattutto di incapacità e slogan facili e fasulli.
Emma, però, sembra quasi non accorgersi dell’occasione storica.
Il giorno della presentazione UFFICIALE delle candidature del centrosinistra, invece che a Roma, insieme a Bersani e a tutti gli altri candidati regionali, era a MILANO a sputare veleno contro il candidato PD, annunciando uno SCIOPERO DELLA FAME (ovviamente motivato).
Ora, dico io, cara Emma. Io ti stimo, ti adoro, ti voto, ho implorato affinchè il Pd accettasse la TUA candidatura, sei una donna con le palle quadrate, ma per una volta, per una volta sola, SMETTILA di essere COSI’ radicale!
C’è una BATTAGLIA da combattere nel Lazio che è alla tua portata! Manca un mese al voto, in un mese quei 2 miseri punti di svantaggio sono recuperabili. C’è un 20% di indecisi da conquistare, c’è una Regione da MANTENERE, dopo lo tsunami Marrazzo, c’è un CentroSinistra da rifondare, NON PUOI pensare allo sciopero della fame, alla raccolte firme per le liste radicali, alla battaglia di legalità (anche se giusta, giustissima), all’atroce testo partorito in Vigilanza Rai da un tuo “compagno” e alla Regione Lazio. Io questa mattina ho CERCATO un banchetto radicale e FIRMATO, ho fatto il mio dovere, ma te CAZZO fai il tuo.
Interrompi lo sciopero della fame e della sete e metti ANIMA e CORPO su questa cazzo di Regione, che solo in mano ad una Radicale come te può davvero finalmente SVOLTARE.
Dajè Bonì, se po’ fa!

Autore

Articoli correlati