Brokeback Mountain censurato, ecco cosa ne pensano i LETTORI de Il Giornale

Condividi

Questi sono alcuni degli INCREDIBILI commenti all’articolo internet de Il Giornale sullo SCANDALO BROKEBACK MOUNTAIN/RAI2… da notare il TITOLO del Il Giornale… LA RAI AI GAY... già da qui sarebbe da prendere a pizze il direttore.

Mi sfugge perché: 1) la RAI, servizio pubblico=di Stato= di tutti i cittadini trasmetta un film assai discutibile moralmente; 2) ancor di più lo voglia ritrasmettere “integralmente”. A scopo “risarcitorio”? Per tener buone le solite personcine politicamente corrette quando fa comodo a loro? El tacon s’è peso del buso!

A me personalmente fa schifo vedere effusioni amorose e baci tra due uomini. Non voglio perseguitare e discriminare nessuno, ma non posso farci niente è più forte di me. Certe scene mi fanno senso. Volevate sapere se il pubblico adulto non avrebbe potuto sopportare” baci ed effusioni fra due uomini”. Sig Mancuso, io sono uno di quelli.

Al sig. Mancuso che chiede “…Chi si è permesso di pensare che il pubblico adulto non avrebbe potuto sopportare i baci e le effusioni tra due uomini?”. Bene, io faccio parte del pubblico e sono adulto, molto, le confermo che la vista di baci ed effusioni fra due uomini mi dà il voltastomaco. Mi scusi per la mia omofobia, ma é così.

Due uomini che si baciano o quant’altro di sicuro non è un bel vedere.Non si può imporre alla maggioranza etero un comportamento gay come fosse una cosa normale ……in quanto al film a tutto tondo…i capolavori li faceva Fellini p.s. Certi post mi hanno lasciato basito! non credevo che autorevoli blogghisti fossero così di parte………..

Questa porcheria un capolavoro?Ma cerchiamo di non scherzare.

C’è qualcuno che si preoccupa del fatto che, in questo periodo natalizio, i bambini si intrattengono fino ad ora tarda davanti alla TV ? Sarebbe stato giusto far loro vedere scene di amore esplicito tra due omosessuali ?

Da un lato ci sforziamo di dare una educazione vera ai nostri figli ma poi dall’altra mandiamo in onda film che capovolgono l’educazione stessa.

D’accordo sul fatto che non andasse tagliato. Spero che i signori omosesuali saranno d’accordo con noi che in realtà non andasse nemmeno trasmesso. Non si tratta di omofobia, ma scene di quel tipo tra uomini (come tra donne) sono da considerarsi vietate ai minori e più adeguate a un soft porno che non ad un film da tv generalista. Non è omofobia, ma un bacio omosessuale non è la stessa cosa di un bacio eterosessuale. Per prevenire le sicure obiezioni, provate a pensare questo: un bambino che fa pipì per strada non desta nessun ribrezzo, un uomo adulto che fa la stessa cosa invece sì. Eppure stanno facendo entrambi la stessa cosa…

Ho visto alcune scene di quel disgustoso e noiosissimo film. Quando ho capito che non era un film….comico, mi si é rivoltato lo stomaco ed ho cambiato canale. Ora si vorrebbe perfino ritrasmetterlo. Ma certo. E perché non emetterlo fisso ogni sera dopo il telegiornale, tipo “Carosello” ? Ma certa gente il buon senso, oltre che il buon gusto, non sa proprio che cos’ é?

La RAI ha fatto benissimo a tagliere le scene disgustose! Anzi, avrebbe fatto meglio a non trasmettere quel film. Agli omosessuali dico: siete liberi di fare quello che volete meno che convincerci che siete “normali”. Non lo siete! La vostra è un’alterazione mentale che va curata! Certamente mi fate schifo ma non per questo vi giudico. Ho un mio buon amico che è omosessuale, una persona tranquilla che non lo da a vedere, che non trascende, che non si veste con le calze a rete. Io lo rispetto come collega e come amico ma non per questo condivido le sue scelte. Fate quello che volete ma fatelo nella tranquillità della vostre camere da letto e non su un carro vestiti in modo osceno e schifoso in un gay pride!

Hanno fatto tagli? Meno male! Il signor Mancuso che tanto ama vedere scene dei rapporti omosessuali – a me nauseanti e non solo a me, stia certo – può sempre comprarsi la cassetta e vedersi il film integrale in casa sua o andare al cinema dove uno va volontariamente e paga per vedere quello che vuole. Basta publicizzare i gay come una bibita o un dentifricio da dover utilizzare tutti perché un prodotto valido. Basta!!! La sera vogliamo vedere spettacoli digeribili a tutti e che non ci fermino la digestione.

Ma basta gay in TV! Non capisco perchéi nelle RaiTV – tutte le Televisioni anche non a pagamento – si vogliano sponsorizzare le unioni gay come un dentifricio di cui promuovere l’utilizzo. Quali interessi? Hanno fatto tagli dad alcune scene di un film pluripremiato? Erano – a mio avviso – disgustose! Meno male che hanno tagliato!Per buon gusto! Grazie Rai 2!. Sai che meraviglia vedere due maschietti che si sbaciucchiano e se lo mettono in quel posto! Perché così era. Roba da fermarti la disgestione! BASTA!!! Si facciano – i gay – i loro comodi per conto loro e non secchino chi non li condivide e non pretendano di essere graditi e sponsorizzati continuamente. Se facessimo un referendum popolare si accorgerebbero che l’Italia non è quella che ha votato per l’Isola dei Famosi. Stiano certi!. Non esagerino. Non tirino la corda troppo, perché alle azioni prepotenti come le loro subentrano prima o poi reazioni altrettanto prepotenti. Purtroppo!

W L’italia

Autore

Articoli correlati