L’agolo della P(ro)sta(ta) di Sylvie

Condividi


Da Manu di Agrigento
Silvye ti scrivo perchè ho un problema di Linea..sono grassa, obesa forse e sono stanca di andare per negozi e avere paura a chiedere la taglia.. però sono terribilmente pigra per poter affrontare una dieta e mangio troppo… che faccio? Lipo? I giudizi delle persone a volte sono crudeli e mi fanno male e ho pensato molte volte di non uscire più di casa. SOno l’unica? mi sento davvero male.

SpettegulHelp risponde:
Ma che sei scema?! L’unica??.. il mondo è pieno di stronzi egoisti e pronti a giudicare quanto di ragazzi/e con difetti (a volte inesistenti) che si sento dei “diversi”. Però tesoro supera la pigrizia altrimenti non lamentarti del tuo stato, sei stanca di essere sottoposta al giudizio INSINDACABILE delle “stronze commesse” ma ti abbuffi di schifezze… trova un equlibrio! Mi preoccupa molto il fatto che il tuo primo pensiero sia quello di avere paura del giudizio della serpe di turno e non sul fatto “salute”Mia sorella ha un’ottava di reggiseno, è molto robusta e si è dovuta operare di ernia a causa del peso che 2 tette asinine possono provocare. E tu mi tiri in ballo la lipo come fosse cosa da tutti i giorni! Te la faccio io la lipo ma con una grattugia elettrica. Comincio a grattare, grattare e grattare sino a che non prendi le sembianze di Amy Winehouse. Non ti lamentare se non hai voglia di iniziare una dieta equilibrata e sii orgogliosa del tuo status come lo è la Paola Perego con le sue labbra gonfiabili. Ma dato che io sono qui per aiutarti ti propongo la mia ricetta personalizzata per essere sempre la più figa, anche con qualche kg di troppo…e non ti abbattere perchè i veri “diversi” sono quelli che ti giudicano.
RICETTA: “MI METTO GIU’ DA GARA..E LA VINCO PURE”

Ingredienti:5 kg di autostima
20 kg di guardaroba azzeccato e mai ostentato.
Una buona dose di faccia da culo per rispondere alle provocazioni.
un paio di calze contenitive
200 grammi di capelli tagliati come dio comanda.
Una piccola dose di trucco
un pizzico di faccia da culo
un trito di coraggio.

Preparazione:Sbucciate l’armadio e tirate fuori il meglio che avete. Se siete un pò robustelli e con le maniglie dell’amore puntate su maglie larghe, stilose, con disegni sul fronte e colori accesi. Eviterei i Pantaloni a vita bassa, specie se come me anche un paio di shorts sembrerebbero lunghi e sopratutto perchè le maniglie dell’amore poi sembrerebbero i timoni del Titanic. Mescolate il tutto in una terrina, unitamente a delle calze contenitive tanto utili quanto fastidiose (me lo hanno detto!). Fate rosolare a fiamma bassa guardandovi allo specchio e pensando “quanto sono stramaledettamente figa stasera”.
A metà cottura spolverizzate con 200 grammi di capelli tagliati come dio comanda! Tagliarsi i capelli seguendo il proprio viso, affidatevi a parrucchieri capaci e non all’ “Edward mani di merda” di turno. Cambiare radicalmente taglio di capelli non è sempre sintomo di sanità mentale (Britney insegna).. quindi andateci piano!
Unite ai vestiti, alle calze e ai capelli una piccola ma piccola dose di trucco. I ragazzi e le ragazze in carne di solito hanno una parte del viso bellissima (occhi, zigomi, labbra)..evidenziateli ma non troppo. Specie per le ragazze: non andate pesante con il trucco. Chi vi guarda deve rimanere colpito da voi non dal rimmel che cola dopo 8 ore di lavoro. Un trucco leggero e poco evidente vi darà sicuramente più sicurezza.
Bagnate il tutto con un pò di coraggio, un pizzico di faccia da culo, abbondante simpatia e voglia di mettersi in gioco…ma soprattutto TANTA AUTOSTIMA e AUTOIRONIA. Servite caldo, freddo, tiepido.. come volete insomma, e se chi mangia.. è un cog…lione.. allora sputateci dentro e cambiate cucina.
E ricordate… la diversità è da valorizzare, non da temere.

Autore

Articoli correlati