L’angolo della P(ro)STA(ta) di Sylvie!

Condividi

Dolce SYLVIE,
mi rivolgo a te per un consulto estetico: premesso che sono un boy, vorrei fare un regalo ad un “amico” presentandomi al suo compleanno con il sederino depilato (so che apprezzerà). Solo che ho le gambe abbastanza pelose e non mi piacciono depilate, quindi ho paura che si generi un contrasto spiacevole tra le gambe irsute e le natiche glabre. Cosa ne pensi?
Spettegulhelp risponde:
Ciao Marcy, intanto grazie per il dolce, e poi complimenti per l’originalità della tua richiesta e del tuo regalo. Penso che se tutti i miei amici facessero un regalo simile al mio compleanno, sarei felice di invecchiare!
Però amore-tesoro-ciccino…l‘effetto che si verrebbe a creare sarebbe davvero disastroso. Il sedere glabro e le gambe pelose con la linea intercontinentanale in evidenza è orrenda e farebbe passare l’eccitazione anche al più attivo degli attivi. Se proprio proprio devi farlo perché il tuo amico ama esplorare spazi lisci e intortuosi allora il mio consiglio è quello di accorciare con un rasoio elettrico i peli delle gambe affinché la differenza e il colpo d’occhio non siano troppo invasivi. Quindi pensaci bene e sappi che la ricrescita sarà peggio di un cd dei Neri per Caso, fastidiosa e insopportabile. Ti consiglio uno scrub settimanale.

Per le svampite che non avessero capito, Il Marcy in questione vuole regalare il club migliore del mondo: IL CULO. Un Club esclusivo dove entrano solo membri selezionati, i cogl…oni stanno fuori e gli stronzi vengono espulsi senza farne mai ritorno (fonte “nonciclopedia”). Nel mondo gay ormai ci si distingue per ruoli, c’è chi ama dare via questo e c’è chi preferisce riceverlo per regalo. E’ diventata ormai un ossessione a tal punto che la domanda primaria, ancora prima del “ciao, come ti chiami?”, è diventata: “sei attivo o passivo”, che anticipa quella successiva, “quanto CE L’HAI LUNGO?”. Se hai dei forti dubbi sul tuo ruolo allora fai con Noi il test della settimana
SCOPRI ANCHE TU SE SEI ATTIVO, PASSIVO O SEMPLICEMENTE PIGLIATUTTO.

Domanda 1: La prima cosa che guardi in un ragazzo?
a – Il suo animo, la simpatia e la dolcezza
b – l’ombelico, ma ogni tanto alzo lo sguardo e lo fisso negli occhi
c – Se è ben vestito, il profumo della pelle, l’alito, se si vede l’elastico delle mutande e la marca dei boxer

Domanda 2: Boxer o slip?
a – non importa, queste cose non contano in un rapporto
b – è uguale tanto poi succhio pure quelli
c – Boxer solo se a vita bassa e pari gamba e slip solo se D&G collezione 2008!

Domanda 3: devi attivare una promozione sul tuo cellulare, che messaggio ti arriva dalla compagnia telefonica?
a – non mi piace usare il cellulare, odio la tecnologia in genere
b – impossibile ATTIVARE la promozione, impossibile attivarti in genere
c – complimenti, lei è riuscito a spendere 20.000 euro in telefonate alle sue amiche per organizzare il sabato sera!

Domanda 4: decidi di farti un tatoo…cosa scegli e dove?
a – nulla, non mi piacciono, sono così volgari non me li farei mai
b – una farfalla sul fianco, il mio nome sul collo, e una coccinella sul polpaccio ( che maschiaaaaa)
c – i tatoo sono fuori moda, adesso va la marchiatura a caldo e le extencion ai peli delle ascelle

Risultati:
maggioranza a: sei falsa come le labbra della Parietti
maggioranza b: sei passiva, la star delle schiave, faresti di tutto per farti sbattere come un uovo alla cock. A volte pensi di essere versatile ma ti accorgi che l’unica tua versatilità sta nel fatto che ti piace prenderlo prima a pancia sotto e poi a pancia sopra.
maggioranza c: sei sempre tu, la maniaca depressiva delle discoteche milanesi e romane. Tu sei asessuata lo vuoi capire? Per te è più importante lo shopping e l’immagine e non hai tempo di pensare al tuo ruolo sessuale, fattene una ragione! sparisci.

Purtroppo gli attivi di una volta non esistono più, sono in via di estinzione e vi chiedo per questo di firmare la petizione contro lo sterminio degli attivi. Aggregati al club CHI TROVA UN ATTIVO TROVA UN TESORO e ripopoliamo la terra di GIOVANI ATTIVI. Possiamo farcela davvero, basta poco!

Autore

Articoli correlati