x

Non è un paese per Vecchi TRIONFA agli Oscar!

Condividi

Trionfo doveva essere e TRIONFO è stato!
I fratelli Coen dominano la notte degli Oscar, portandosi a casa ben 4 statuette: Miglior Film, Regia, Sceneggiatura Non originale e Attore Non protagonista. Con un pugno di mosche resta Paul Thomas Anderson, che con il suo Petroliere si aggiudica la Miglior Fotografia e l’annunciatissima incoronazione di Daniel Day-Lewis.
Clamoroso successo di Tilda Swinton come Miglior Attrice Non protagonista, che batte la magnifica e favoritissima Cate Blanchett di I’m not There, mentre per molti sorprendente, ma non per me, l’Oscar a Marion Cotillard, trasformata in La vie en Rose… e Hollywood AMA le trasformazioni fisiche!
Applausoni ai nostri Ferretti e Lo Schiavo che stravincono per la Miglior Scenografia di Sweeney Todd, bissando il successo del 2005 con The Aviator, e per Marianelli, che dopo il Golden Globe si porta a casa anche l’Oscar per le Musiche di Espiazione.
E a conti fatti… quanto c’ho preso con i MIEI pronostici? I 7 Oscar maggiori QUASI tutti, mancando il filotto solo con la Blanchett, tra i primi 12 ne ho presi 11! Ho poi TOPPATO i 3 tecnici dei Transformers, sconfitto della serata, che hanno visto il trionfo di The Bourne Ultimatum, 3 Oscar, e la vittoria a sorpresa per gli effetti speciali de La bussola d’Oro, e le sconfitte di Moore con Sicko e l’Oscar austriaco del Falsario.
In poche parole… 13 su 20, ma 11 su 13 trai più importanti, e alè!
Ecco TUTTI i vincitori…

Miglior Film
Non è un paese per Vecchi

Miglio Regia
Fratelli Coen

Miglior Attore Protagonista
Daniel Day-Lewis

Miglior Attrice Protagonista
Marion Cotillard

Miglior Attore Non Protagonista
Javier Bardem

Miglior Attrice Non protagonista
Tilda Swinton

Miglior Sceneggiatura Originale
Juno

Miglior Sceneggiatura Non originale
Non è un paese per Vecchi

Miglior Film straniero
Il Falsario

Miglior film d’animazione
“Ratatouille” (Walt Disney): Brad Bird

Miglior scenografia
“Sweeney Todd”: Dante Ferretti, Francesca Lo Schiavo

Miglior fotografia
“Il petroliere”: Robert Elswit

Migliori costumi
“Elizabeth: The Golden Age”: Alexandra Byrne

Miglior documentario
“Taxi to the Dark Side”: Alex Gibney e Eva Orner

Miglior documentario corto
“Freeheld”: Cynthia Wade e Vanessa Roth

Miglior montaggio
“The Bourne Ultimatum”: Christopher Rouse

Miglior makeup
“La Vie en Rose”: Didier Lavergne and Jan Archibald

Miglior colonna sonora originale
“Espiazione”: Dario Marianelli

Miglior canzone originale
“Falling Slowly” da “Once” Glen Hansard e Marketa Irglova

Miglior corto animato
“Peter & the Wolf”, Suzie Templeton and Hugh Welchman

Miglior cortometraggio
“Le Mozart des Pickpockets (The Mozart of Pickpockets)”, Philippe Pollet-Villard

Miglior montaggio del suono
“The Bourne Ultimatum”, Karen Baker Landers e Per Hallberg

Miglior missaggio del suono
“The Bourne Ultimatum”, Scott Millan, David Parker e Kirk Francis

Migliori effetti speciali
“La bussola d’oro”, Michael Fink, Bill Westenhofer, Ben Morris e Trevor Wood

Miglior sceneggiatura non originale
“Non è un paese per vecchi”, Joel Coen e Ethan Coen

Miglior sceneggiatura originale
“Juno”, Diablo Cody

Autore

Articoli correlati