Perchè non fare Sister Act 3?

Condividi


Ieri sera in prima serata su Rai1 è passata l’ennesima replica di Sister Act, film che avrò visto almeno 20 volte, compresa quella al CINEMA, a soli 10anni, ma che ogni volta rivedo con enorme piacere, e non credo di essere stato l’unico visto l’ottimo risultato ottenuto in termini di share, vicino al 23%.
Sister Act uscì il 29 maggio del 1992 e fu immediatamente un successo clamoroso.
Al primo weekend di programmazione negli Usa incassò 11,894,587 dollari, il passaparola poi fece lievitare il totale a 139,605,150 dollari, diventati poi 231,605,150 nel mondo.
Whoopi Goldberg, in quegli anni sulla cresta dell’onda, divenne una vera e propria icona, nelle vesti dell’indimenticabile Deloris Van Cartier/Maria Claretta.
Accanto a lei una semplicemente superba
Maggie Smith, terribile madre superiore, e Harvey Keitel, perfido boss malavitoso.
Il successo, di critica e di pubblico, fu tale che un secondo capitolo venne quasi da se, arrivando così l’anno successivo.
Sister Act 2, anch’esso visto al cinema, non fu neanche lontanamente paragonabile al precedente episodio, e i risultati al botteghino furono nettamente inferiori, fermandosi a 57,319,029 dollari per il solo mercato statunitense, addirittura meno della metà del primo capitolo.
Oggi son passati ben 14 anni da quando Whoopy Goldberg ha smesso i panni di Suor Maria Claretta.
Il successo di quegli anni è andato lentamente diminuendo, fino quasi a sparire del tutto.
Ora mi chiedo io… visto che ad Hollywood le idee originali sono un lontano ricordo, e il fondo dei sequel più assurdi oramai si sta per raschiare, perchè non riportare in vita Sister Act?
Sarebbe davvero così restia la Goldberg a riprendere le vesti di Deloris Van Cartier?
Voi un tentativo, di fronte ad una buona sceneggiatura e non ad una ciofega come quella di Sister Act 2, non lo fareste proprio?
Sarà stata la replica di ieri sera, ma io è tutto il giorno che ci penso!
Nel frattempo per rinfrescarvi la memoria, nel caso ne aveste bisogno, tre filmatini giusto per NON DIMENTICARE la mitica Whoodi…



Autore

Articoli correlati