Madonna a sorpresa all’AmfAR Gala: “L’AIDS non è ancora sconfitto”, e Jeremy Scott la celebra dal palco

Condividi

Madonna è comparsa a sorpresa all’amfAR Gala di Los Angeles per consegnare all’amico Jeremy Scott l’Award of Courage, in riconoscimento del suo lavoro e del suo impegno nella lotta contro l’HIV/AIDS.
L’undicesima edizione dell’evento annuale si è tenuta in un tendone extra-lusso presso il Pacific Design Center di West Hollywood. Il gala, sponsorizzato da Cadillac e FIJI Water, ha raccolto oltre 1,8 milioni di dollari per la ricerca contro l’HIV/AIDS.
Poco dopo che una fotografia di Madonna scattata da Ellen Von Unwerth è stata battuta all’asta per $ 70.000, la stessa Regina del Pop è salita sul palco (celebrando Keith Haring con una giacca ad hoc) e ha reso omaggio al direttore creativo di Moschino con un sentito discorso, in cui ha anche ricordato come sia stata direttamente coinvolta nella lotta contro l’AIDS.

Nel 1991 sono salita sul palco dell’amfAR e sono stata costretta a chiarire i rumor che dicevano che io avessi l’AIDS“, ha detto Madonna. “Ricordo che molti giornalisti mi hanno puntato i microfoni in faccia, chiedendomi, attaccandomi persino e dicendo ‘Madonna, Madonna è vero? Sei sieropositiva?. E ovviamente la mia risposta fu ‘no, voglio solo aiutare le persone che lo sono’. “Fu un’esperienza estremamente illuminante. In quel momento ho capito che c’era e c’è ancora tanta paura. La gente pensava che se ti trovavi accanto a una persona malata di AIDS, o naturalmente abbracciavi una persona malata di AIDS, avresti potuto prenderlo. Ho assistito a quanto fosse dannoso. L’odio, la vergogna, la paura, la disinformazione che circondavano coloro che soffrono di questa malattia e purtroppo quella paura esiste ancora oggi. Sono sicura che ne sei consapevole. Sapevo in quel momento che la mia lotta era appena iniziata“.

La superstar ha riconosciuto che la battaglia contro l’HIV/AIDS è in corso, osservando che 1,5 milioni di persone sono state infettate dall’HIV nell’ultimo anno. “La lotta non è ancora finita“, ha detto Madonna. “Non possiamo mai essere troppo compiacenti quando si tratta del killer silenzioso che continua a devastare la vita delle persone in tutto il mondo“.

Scott, visibilmente commosso mentre abbracciava Madonna e accettava il premio, ha raccontato di essere stato vittima di bullismo durante la sua adolescenza e di aver pensato, tra sé e sé: “Un giorno, diventerò amico di Madonna”. “È difficile per gli altri persino capire cosa ci fosse prima dei social media e TikTok, avere scorci nella vita di altre persone, prima che le serie di Ryan Murphy proliferassero le onde radio con personaggi e cast gay, e molto prima che Lil Nas X fosse in testa alle chart. C’era solo una parola che rappresentava un rifugio sicuro per i giovani gay come me e quella parola era Madonna”. “A nome di tutti i ragazzi e le ragazze gay che hai fatto sentire apprezzati e amati, sono così onorato di accettare questo premio dalla donna più coraggiosa che conosca“.

Autore

Articoli correlati