“MAIMAMMA”, arriva il primo romanzo di VERONICA LUCCHESI e DARIO MANGIARACINA (LRDL)

Condividi

MAIMAMMA è il primo romanzo di Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina (La Rappresentante di Lista), edito da Il Saggiatore e in uscita giovedì 28 ottobre.
Il 2021 è stato l’anno del decollo per il duo: dopo la partecipazione al Festival di Sanremo con il brano Amare, certificato disco di Platino e per mesi ai vertici delle classifiche radiofoniche, e la pubblicazione del quarto album in studio My Mamma, Veronica e Dario sfornano ora quest libro legato a filo diretto con l’ultimo disco, con cui condivide la genesi e le tematiche.

MAIMAMMA è il romanzo di un’intera generazione, la storia di una donna – Lavinia – che sta per dare alla luce un figlio alle soglie dell’apocalisse.

Cos’è MAIMAMMA? Un libro, un romanzo. MAIMAMMA è la storia che ci ha ispirato la scrittura del nostro ultimo album, My Mamma. – racconta LRDL – Abbiamo iniziato a raccontare questa storia più di 10 anni fa. Dentro ci siamo noi, ovviamente. Ma soprattutto c’è Lavinia. Lavinia è la protagonista della storia. Quando l’abbiamo incontrata aveva appena compiuto trent’anni. Nella sua vita ha preso delle scelte molto diverse da quelle che avremmo preso noi. E forse è per questo che l’abbiamo seguita, così profondamente. Seguitela. Lei è una ragazza bionda, con gli occhiali. Indossa sempre una maglia bianca che nasconde a malapena un pancione che presto diventerà grande come il mondo. Non dev’essere facile per lei ritrovarsi incinta proprio adesso. Lo sapete, no? Non manca molto alla fine”.

Sullo sfondo una città, che diventa uno scenario a tratti fantastico e distopico: tra dialoghi surreali e personaggi inafferrabili e fuori dagli schemi, una storia di amicizia e di amore, ma soprattutto di crescita e scoperta di sé. MAIMAMMA, come l’album (quasi) omonimo affronta temi cari a LRDL, come quelli del corpo, della maternità, dell’ecologia, dell’eredità che lasceremo ai nostri figli. Il legame con l’album My Mamma è chiaro sin dal titolo e dall’artwork di copertina del romanzo – ad opera di Alice Beniero – che riprende la reinterpretazione dell’Origine del mondo di Gustave Courbet, nel disco invece firmata da Manuela Di Pisa.

Autore

Articoli correlati