Damian Lewis, il commovente tributo per la moglie Helen McCrory: “nessuna paura della morte, diffondeva felicità”

Condividi

Damian Lewis ha scritto un potente tributo a sua moglie Helen McCrory, scomparsa pochi giorni fa all’età di 52 anni, causa cancro.
In un editoriale su The Sunday Times, l’attore di Billions e Homeland ha riflettuto sulla vita della sua “Dama Helen“, che ha descritto come “una persona ancora più brillante di quanto non fosse da attrice”. Ha poi rivelato che non aveva “nessuna paura, nessuna amarezza, nessuna autocommiserazione”, per la sua morte prematura.

“Non ho mai conosciuto nessuno che diffondesse la felicità in modo così consapevole”, ha detto Lewis nel sincero e straziante pezzo scritto di proprio pugno, spiegando che le infermiere che la stavano curando non vedevano l’ora di vederla, “perché rendeva la loro giornata migliore“.

“Non ho mai conosciuto nessuno in grado di godersi la vita così tanto. La sua capacità di essere nel presente e godersi il momento è stata fonte di ispirazione. Nessun vero interesse personale nell’auto-riflessione; credeva nel guardare fuori, non dentro. Ecco perché era in grado di accendere la sua luce così intensamente sugli altri”. Lewis ha ricordato una donna che era “divertente da morire”, ma in grado di essere anche “magnificamente arrabbiata, imperiosa, sprezzante. Gloriosamente.” Alla fine, era felice, ha aggiunto. “Sempre. Alcune persone credono che la felicità sia un diritto, alcune persone trovano la felicità difficile. È un’emozione sfuggente. Helen credeva che fosse possibile scegliere la felicità. “

Dinanzi alla morte, Lewis ha detto che sua moglie McCrory ha mostrato una feroce generosità, dicendogli di farsi delle “amiche, molte“, dopo la sua morte – ma, con un lampo di umorismo, ha aggiunto: “Cerca almeno di superare il funerale senza baciare qualcuno. Non essere triste, perché anche se sto per spegnermi, ho vissuto la vita che volevo”.

Lewis ha concluso: “Già mi manca. Negli ultimi mesi ha brillato più intensamente di quanto si possa immaginare, come la stella più brillante. Ma il suo più grande e squisito atto di coraggio e generosità è stato quello di “normalizzare” la sua morte. Non ha mostrato paura, amarezza, autocommiserazione, ci ha solo armato del coraggio di andare avanti e ha insistito sul fatto che nessuno fosse triste, perché lei era felice. Sono sbalordito da lei. È stata una meteora nella nostra vita”.

Sposi dal 2007, Damian ed Helen  hanno avuto due figli, Manon (nata l’8 settembre 2006) e Gulliver (nato il 2 novembre 2007).

Autore

Articoli correlati