Lídia Franco vs. Adam Driver: “persona terribile, mi ha aggredita sul set”

Condividi

L’attrice portoghese Lídia Franco, 76 anni, ha denunciato pubblicamente il presunto comportamento violento di Adam Driver sul set del film “L’uomo che uccise Don Chisciotte“, diretto da Terry Gilliam e interpretato dall’attore.
Durante un podcast che ha fatto il giro dei media portoghesi, l’attrice ha accusato il collega americano di essersi “comportarsi molto male” e di avere avuto atteggiamenti negativi. “Bravo attore ma persona terribile”, ha precisato.

Ho avuto un’esperienza terribile girando quel film a causa di Adam Driver. Potrebbe essere un grande attore, ma è una persona terribile e non merita che noi siamo qui ora a parlare di lui“, ha esordito l’attrice, per poi insistere. “Si è comportato molto male con me. Fisicamente. Mi ha attaccato. E non aveva niente a che fare con la scena. È molto grave. Le mani dei membri della produzione erano legate e non potevano fare nulla. È stato un attacco mimetizzato con una sedia”.

Franco ha poi rivelato le presunte imposizione di Adam Driver alla produzione del film.

Una delle cose che ha iniziato a fare in Spagna era chiedere che, durante le prove, tutti i tecnici lasciassero il set. Lo ha chiesto e ha continuato a farlo in Portogallo, ma alcuni tecnici portoghesi si sono rifiutati. Ha preteso, credo per contratto, che nessuno potesse guardarlo. Se lo guardavano, le comparse venivano immediatamente licenziate. Ed è successo“.

Driver e Gilliam, per ora, non hanno replicato alle pesantissime accuse di Lídia Franco

Autore

Articoli correlati