Meryl Streep è l’attrice più SOTTOVALUTATA di Hollywood: “La sua grandezza viene data per scontata, sbagliando”

Condividi

21 nomination agli Oscar, 3 statuette vinte, 9 Golden Globe, due Screen Actors Guild Awards, due Critics Choice Awards, tre Premi Emmy, un Prix al Festival di Cannes, due Premi BAFTA, un Orso d’oro (alla carriera) e un Orso d’argento al Festival di Berlino.
Meryl Streep è forse l’attrice vivente più famosa e ammirata al mondo, eppure secondo Adam White dell’Independent, Meryl Streep è anche l’attrice più SOTTOVALUTATA di Hollywood.
Possibile?

In poche settimane la divina è tornata con due film, Let Them All Talk di Steven Soderbergh e in The Prom di Ryan Murphy. Il primo per HBO Max, il secondo su Netflix. In entrambi i casi, sottolinea White, ti ritrovi a guardarla e a domandardi, “e allora?“. Perché “l’apparente grandezza della Streep è ormai trattata come così inevitabile, così insignificante, così noiosa, che ha chiuso il cerchio: ora è sottovalutata. Sul serio. In verità, oggi come oggi la sua recitazione tende a far parlare di sé solo quando qualcuno esprime cinismo al riguardo”. “Il mese scorso il New York Times ha dichiarato i suoi 25 più grandi attori del 21° secolo, riempiendo la sua lista di grandi indiscutibili (tra cui Denzel Washington e Isabelle Huppert) e adorabili imprevisti (Keanu Reeves). La Streep, tuttavia, non ha fatto la sua comparsa. Ha suscitato lieve indignazione e, almeno tra alcuni critici, una sorta di sollievo. “Ero letteralmente terrorizzato che M * ryl Str * ep sarebbe stata la numero 1 mentre scorrevo verso il basso”, ha twittato il giornalista di Vulture, Alex Jung. Settimane dopo che la classifica è stata resa pubblica, il New York Times ha pubblicato un pezzo in cui ha risposto ad alcuni quesiti, inclusa l’apparente controversia sull’assenza della Streep. “Ha dato delle ottime prestazioni negli ultimi 20 anni”, ha scritto il critico AO Scott. “Ma ne ha anche dati alcuni non molto buoni che sono appariscenti ed esagerati“.

Peccato che solo nei confronti di Meryl, certi film ‘imperfetti’, siano rimarcati.
E qui White ha ragione.
Negli anni ’70 Pauline Kael scrisse che la Streep era “glaciale” in Kramer contro Kramer, aggiungendo: “La sua tecnica non si somma a nulla”. Nel recensire La scelta di Sophie, la Kael si disse annoiata dalla sua recitazione. “Come al solito, ha dedicato attenzione e impegno al suo lavoro. Ma qualcosa in lei mi lascia perplessa: dopo averla vista in un film, non riesco a visualizzarla dal collo in giù. È possibile che come attrice si ritrovi in ​​uno spazio vuoto e poi concentri tutta la sua attenzione su una cosa: il movimento della testa, per esempio, [o] il suo accento? Forse apportando un’intensità ingiustificata a un aspetto di una performance, in effetti si decorpora. Questo potrebbe spiegare perché le sue eroine dei film non sembrano essere personaggi completi e perché non ci siano gioie accidentali da trarre dal guardarla”.

“I pensieri della Keal sulla Streep, in particolare l’idea che lei sia tutta tecnica e poca anima, sono rimasti in circolo tra i critici, anche se spesso preceduti da una sorta di colpevole avvertimento, come se criticando la Streep tu stia effettivamente criticando Dio. “Molti dei miei amici colti, culturalmente impegnati, che bevono Pinot Nero non sono solo indifferenti alla grandezza della Streep, ma ne sono addirittura scoraggiati”, scrisse il critico teatrale Charles McNulty sul Los Angeles Times nel 2012″.Nessun altro recita come la Streep“, sottolinea White. “È, come sostengono molti dei suoi detrattori, un tripudio di tic e tecnica. Sarei in grado di immaginare molti dei famosi gesti della Streep nella mia testa: il toccarsi il viso, la punta delle dita sulla sua bocca, il guizzo dei suoi occhi, quel sorriso chiuso ma consapevole. Sono stati straordinariamente, riconoscibilmente “streeppiani” per decenni. Tutti questi movimenti e questo lavoro rendono la Streep incredibilmente viva davanti alla telecamera. È un’attrice che spesso non può essere definita sottile – perché limitari ad un’espressione facciale quando potresti averne sette? – ma raramente è troppo ampia a meno che il ruolo non lo richieda assolutamente. Il suo potere sta nel gesto, o nello strano e a volte inaspettato dialogo. Potrebbe non essere emulata troppo spesso dai suoi coetanei, ma è il suo marchio di fabbrica e lei è meravigliosa”.

“Probabilmente Meryl Streep impiega alcuni giorni per lucidare tutti i suoi premi vinti, quindi non è affatto sottovalutata”, conclude White. “Tuttavia, è diventata stranamente poco apprezzata, le sue abilità e la sua presenza davanti alla telecamera sono quasi scontate al giorno di oggi. Tendiamo anche ad appiattire la sua storia, ignorando i picchi e le depressioni della sua carriera per immaginare una gloria immacolata. Si riducono e al minimo le difficoltà vissute in carriera. “Nell’ultimo decennio, l’attrice una volta chiamata l’equivalente femminile di Laurence Olivier, è passata dai successi di critica alle delusioni al botteghino“, scriveva il New York Times nel 1994, in un pezzo che rifletteva se la sua carriera mainstream fosse agli sgoccioli. Invece la Streep è sopravvissuta e le sue esibizioni sono rimaste stellari. Dobbiamo ricordarglielo, anche se potrebbe non sembrare necessario”.

Sottoscrivo TUTTO. Bravo Adam White.

Autore

Articoli correlati