Addio a Ennio Morricone, il più grande di tutti

Condividi

Un fulmine a ciel sereno.
Il maestro Ennio Morricone è morto all’età di 91 anni, dopo essersi rotto il femore a causa di una caduta.
Per chiunque ami il cinema, Ennio Morricone è stato e rimarrà il Cinema.
Italiano e internazionale.
Venerato, idolatrato, premiato, amatissimo ovunque. Centinaia di colonne sonore, alcune delle quali a dir poco epocali, che hanno scritto la storia della Settima Arte. Non era certamente un uomo ‘simpatico’, Morricone, arcigno e polemico, ma era un genio. Un genio totale.
Insieme a John Williams, Nino Rota e a pochi altri, il più grande compositore cinematografico di sempre. Che fosse italiano, romano, non può che inorgoglirci.
Premio Oscar alla carriera nel 2007 e nuovamente premio Oscar nel 2016 grazie a Quentin Tarantino e al suo The Hateful Eight, con standing ovation di tutto il teatro. Nel 1987 la beffa mai dimenticata, quando la colonna sonora di Mission, tra le più belle di sempre, venne incredibilmente sconfitta. Sono poi arrivati 3 Golden Globe, 6 BAFTA, 10 David e 10 Nastri, oltre a decine di altri riconoscimenti.
Come detto, un gigante. Era immortale, e immortale rimarrà.

Autore

Articoli correlati