Simona Ventura, “calunniata quando dicevano che facevo uso di droghe”

Condividi

“Sono una persona alla quale sono state fatte una enormità di cattiverie, delle volte sono stata lì lì per soccombere. Ho avuto tante persone che mi hanno voluto bene, ma molti mi hanno fatto smettere di lavorare, quando si diceva che facevo uso di droghe, sono state delle calunnie atte per farmi perdere i figli o potessi perdere il lavoro, per molte volte qualche dirigente ci ha anche creduto, non mi è stata data fiducia, poi alla fine sono riuscita a fare tanto rimanendo fedele a me stessa, non mi sono mai piegata” (via GossipBlog).

Così Simona Ventura, intervistata da Francesca Fialdini, è tornata sul suo passato professionale, e su quel rumoroso addio a mamma Rai, che la vide poi girovagare tra Sky, tv albanesi, Fox Life e Mediaset. Ma il 2020 per Simona significherà soprattutto nozze.
Perché il matrimonio con Giovanni Terzi è dietro l’angolo.

“Quest’anno dovrebbero accadere molte cose belle. C’è il matrimonio nei miei piani, quindi vedremo. Dove non lo so, quando non lo so, nel 2020, stiamo ancora vedendo. Non ho ancora scelto i testimoni, devo ancora fare tutto. Vorrei fare una grande festa … Adesso mi prende paura, ma sicuramente accadrà verso la fine dell’anno”.

Autore

Articoli correlati